mercoledì 16 agosto - Aggiornato alle 17:00

Terni smart living: 1,3 milioni di euro per il patrimonio culturale

Fondi di Agenda urbana per riqualificare bct, teatri e musei. In arrivo tecnologia a cascata

Biblioteca comunale

di M. R.

Palazzo Spada ha previsto una spesa di 1,3 milioni di euro per il programma smart living, solo uno dei capitoli di Agenda urbana che in tutto farà piovere su Terni quasi 9 milioni e mezzo. Questo è il capitolo che riguarda la riqualificazione del patrimonio culturale, con la quale si intende il restyling infrastrutturale leggero e la dotazione tecnologica dei luoghi simbolo della cultura cittadina, quindi in lista ci sono tanto la bct (con i soliti guai documentati anche di recente dal consigliere Cinque stelle Federico Pasculli), quanto il Palazzo di Primavera e l’Anfiteatro Romano con le 700 nuove sedie da 51 mila euro ai quali se ne aggiungono 10 per i copriseduta.

Terni smart living Quanto ad interventi sugli immobili, risulta che saranno spesi 563 mila euro, cifra che sale a oltre 770 mila per i dispositivi tecnologici. Nel carrello di Palazzo Spada intanto: 75 pc, 15 notebook e 45 tablet, 13 videoproiettori, sette tv, sei stampanti, due mixer audio e poi arredi di vario tipo, tra cui anche gli asciugamani elettrici per il Caos e sistemi di sicurezza, il tutto per un importo complessivo di 228.138,29 euro. È solo una prima parte di spesa, alla quale il Comune di Terni compartecipa con il 15% dell’importo. Gli interventi più significativi, in alcuni casi ripartiti su tre annualità, riguarderanno il Caos (430 mila euro complessivi), la biblioteca comunale (400 mila), Palazzo di Primavera (223 mila) e l’Anfiteatro (180 mila).

@martarosati28