Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 30 novembre - Aggiornato alle 20:51

Terni si tinge di rosso e arancione contro la violenza sulle donne

Panchine vuote a simboleggiare l’assenza di chi non c’è più, strappato troppo presto, da mani violente, agli affetti più cari

Corre nonostante tutto il calendario 2020 e si avvicina il 25 novembre; la programmazione delle iniziative per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne, quest’anno è pesantemente condizionata dall’attuale situazione di crisi pandemica da Covid­19 ma Terni celebrerà in qualche modo la ricorrenza.

Il 25 novembre Non potendo prevedere né il decorso dell’epidemia, né le misure di prevenzione che gli Organi competenti adotteranno per contrastarne la diffusione, si è optato per iniziative a forte carattere simbolico che testimonino l’impegno dell’amministrazione comunale e dei soggetti costituenti la rete territoriale contro la violenza di genere della Zona Sociale 10. Filo conduttore delle iniziative saranno i due colori legati a questa giornata: il rosso e l’arancione, e le panchine vuote a simboleggiare l’assenza di chi non c’è più, strappato troppo presto, da mani violente, agli affetti più cari. Mani aperte contro la violenza è invece il titolo delle iniziative che il Liceo Artistico e l’Associazione Noità, nell’ambito del patto di collaborazione stipulato con l’A.C., quale prosecuzione delle attività con i giovani. Una panchina rossa (simbolo della violenza contro le donne) sarà posizionat sotto l’atrio/davanti Palazzo Spada, a testimonianza di come la comunità intera, rappresentata dalla “Casa Comunale”, dica no alla violenza. Sulla panchina verrà posta una pergamena con le semplici ed efficaci parole che Papa Francesco riporta nella sua Enciclica Fratelli tutti: “Verità è riconoscere il dolore delle donne vittime di violenza e
di abusi. Ogni violenza commessa contro un essere umano è una ferita nella carne dell’umanità. Ogni morte violenta ci diminuisce come persone. La violenza genera violenza, l’odio genera altro odio, e la morte altra morte. Dobbiamo spezzare questa catena che appare ineluttabile”.. La panchina verrà collocata dalla Direzione Welfare che avrà cura di allestire lo spazio il 25 novembre prossimo. Una poltroncina rossa invece sarà esposta nella sede dello spazio messo a disposizione dalla biblioteca comunale dove si potranno ammirare anche alcune opere prodotte dai ragazzi sul tema “Mani creative contro la violenza sulle donne”, nell’ambito delle attività svolte all’interno del Patto di collaborazione “Percorso Culturale ed artistico per la valorizzazione e la rigenerazione di contesti urbani” tra Comune di Terni,
Liceo Artistico “O. Metelli” e Associazione Noità. E poi ancora luci rosse e arancioni su piazze e sculture.

I commenti sono chiusi.