lunedì 23 luglio - Aggiornato alle 10:02

Terni, quasi 2.200 bisognosi aiutati dai volontari di San Vincenzo: «Porte aperte ai giovani generosi»

Poderoso sforzo per 120 mila euro di aiuti e 130 mila euro di beni di prima necessità: aiutati 300 ragazzini con pannolini e libri

Assemblea società San Vincenzo de' Paoli di Terni

Quasi 2.200 persone assistite. Erogati oltre 120 mila euro di aiuti economici. E distribuiti circa 130 mila euro di beni alimentari e non. Questi i dati più rilevanti dell’attività compiuta a Terni dal centinaio di volontari della società San Vincenzo de’ Paoli, che domenica ha traccia il bilancio del 2017. Alla presenta del vescovo Giuseppe Piemontese è stata presentata Alessandra Rossi, nuovo presidente del consiglio centrale, di cui fanno parte anche  Marcello Petrini vicepresidente, Giancarlo Felicetti tesoriere, Patrizia Trippa segretaria e dai membri di presidenza Roberto Reale, Federica Inches e Orlando Ungari.

Aiutate oltre 2.200 persone, in calo su 2016 In particolare, nella parrocchia di Santa Maria Regina di Terni è stato spiegato che il numero di assistiti è calato rispetto al 2016: a fronte di 2.166 persone aiutate, tra cui 412 minori, il confronto con l’anno precedente conta 134 poveri in meno, «anche se continua il trend negativo iniziato da due anni, così come – è emerso – continua a diminuire la capacità di dare risposte efficaci a tutti». Ad alcuni di loro sono stati distribuiti aiuti economici per circa 123 mila euro (-15 per cento rispetto al 2016) e 105 mila chilogrammi di alimenti ricevuti gratuitamente e beni non alimentari donati il cui valore può essere quantificato in 134.650 euro. La maggior parte degli interventi sono stati resi possibili grazie al contributo della Fondazione Carit che, come ogni anno, ha finanziato il progetto “Famiglia e dignità”, che offre un sostegno per il pagamento degli affitti delle abitazioni, per le spese condominiali e utenze (luce, acqua e gas); per l’alimentazione; e per la scuola.

Bimbi e senzatetto Risultati positivi anche per l’Emporio bimbi che fornisce dagli alimentari ai pannolini ai prodotti per l’igiene personale, al materiale scolastico, abbigliamento, giocattoli e attrezzature per la prima infanzia. Ad essere aiutate, con questa specifica attività benefica, sono circa 180 famiglie, mentre i bambini da zero a dodici anni che hanno usufruito dei servizi e beni sono in tutto 300 di 31 diverse nazionalità. Importante anche l’impegno dei quattordici volontari del progetto La casa di Federico per l’assistenza ai senzatetto: nel 2017 sono state 45 diverse persone che hanno avuto incontri con i volontaria della San Vincenzo (-12 per cento rispetto allo scorso anno): «Auspichiamo che la nuova amministrazione comunale – è il messaggio che arriva dalla società San Vincenzo – possa essere sensibile a questo problema che a Terni è di dimensioni così modeste da poter essere risolto con un minimo impegno e sarebbe ancora più facilmente attuabile in un progetto condiviso da più soggetti».

La chiamata ai giovani A tirare le fila sul 2017, guardando all’impegno per il futuro, è stata la neo presidente Rossi: «L’impegno per i prossimi tre anni sarà volto alla promozione del nostro carisma nelle comunità cattoliche giovanili e non, perché solo attraverso i giovani – ha detto – sarà possibile realizzare il rinnovamento che gran parte di noi auspicano. In fondo la società San Vincenzo de’ Paoli è stata fondata da un Federico Ozanam ventenne studente universitario con i suoi amici. Richiederò pertanto a tutti i vincenziani di impegnarsi nell’accoglienza e nell’ascolto non solo dei bisognosi ma dei giovani aspiranti volontari, nella consapevolezza che in essi ci siano buone capacità di rinnovamento, attraverso la fantasia con la quale potrebbero avvicinare le persone disagiate, soprattutto i loro coetanei che spesso vivono nel degrado sociale e nella povertà esistenziale, con mancanza di valori e di stimoli, anche con l’utilizzo della tecnologia, che renderà la nostra associazione al passo con i tempi».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.