mercoledì 12 dicembre - Aggiornato alle 15:09

Terni, Piediluco entra nel club dei ‘Borghi più belli d’Italia’: dieci perle e vedute mozzafiato

di Mar. Ros.

Piediluco entra a pieno titolo nel club dei Borghi più belli d’Italia, il coordinatore umbro del circuito Antonio Luna è rimasto affascinato dal paesaggio, dalle vedute, dal sentiero che conduce alla rocca, ha trovato particolarmente suggestivo il cimitero storico «ma su molti aspetti – ammette – c’è da lavorare». Il sito lacustre di Terni guadagna il titolo per dieci positività riscontrate in loco, per il club sono invece quindici le cose da migliorare e non mancano situazioni di criticità, ma l’impegno del Comune è stato espresso dall’assessore ai lavori pubblici: «Sono in corso d’opera 4,8 milioni d’investimenti».

Piediluco nel club dei ‘Borghi più belli d’Italia’: fotogallery

Borghi più belli d’Italia La cerimonia si è tenuta sabato mattina a palazzo Spada, alla presenza del sindaco Di Girolamo e degli assessori Stefano Bucari e Daniela Tedeschi, presenti inoltre il senatore Pd Gianluca Rossi, il vice presidente della Regione Umbria Fabio Paparelli e il presidente nazionale del club Fiorello Primi. Quest’ultimo, portando il suo saluto ha chiarito: «Questo riconoscimento è sì un traguardo ma anche un nuovo punto di partenza, un’assunzione di responsabilità da parte delle istituzioni nei confronti dei cittadini e viceversa, monitoreremo costantemente il borgo». Il commento del senatore Rossi: «Un riconoscimento non simbolico ma sostanziale, il segno di una politica integrata e sinergica tra i vari enti, Piediluco insieme alla Cascata rappresenta un patrimonio inestimabile».

Piediluco (Terni) entra nel club  «Molto bene il mantenimento degli aspetti paesaggistici e la vegetazione, anche se i parchi andrebbero maggiormente curati, le vedute sono straordinarie ma possono essere migliorati gli scorci, è diffusa ad esempio la scelta di non intonacare le case, i monumenti sono in ottimo stato, sia la rocca che i santuari. Per raggiungere la vetta di monte Luco si attraversa un sentiero tra i più belli della regione Umbria, peccato che non sia segnalato, tabelle e bacheche scarseggiano, le informazioni, dove presenti, sono solo in lingua italiana, il lungolago va migliorato e il cimitero conservato meglio perché davvero suggestivo». Queste alcune delle valutazioni di Antonio Luna che di persona ha visitato il borgo: «Anche i cittadini – ha detto – devono fare la loro parte per rendere Piediluco più gradevole».

Sindaco Di Girolamo «È stata premiata la capacità di conservazione di un territorio – ha detto Di Girolamo nel suo intervento -, l’Umbria è ricca di borghi già entrati nel circuito e il titolo consegnato a Piediluco rappresenta per noi un importante elemento di marketing territoriale che pensiamo possa offrire orizzonti importanti per il futuro. A questo riconoscimento hanno senz’altro contribuito l’impegno e l’attenzione costante del senatore Rossi e dell’assessore regionale Paparelli».

Regione Umbria e Cascata delle Marmore «Questo titolo rientra pienamente nella strategia turistica regionale – ha puntualizzato Paparelli – e in particolar modo nelle intenzioni di questo territorio che sta puntando molto su paesaggio e turismo oltre ad inseguire il naturale filone dello sport che sposa perfettamente con gli ambienti naturali presenti, per questo – ha dichiarato – resta fondamentale la permanenza della Federazione di canottaggio al centro remiero di Piediluco così come il riconoscimento del Salto più alto d’Europa come patrimonio Unesco.  Nel corso del 2015, solo fino a novembre, in Umbria abbiamo accolto 5 milioni e 600 mila turisti, questo grazie alle campagne promozionali avviate, la più recente legata alla produzione di Don Matteo, una puntata della quale sarà girata a Carsulae. La volontà è quella di guardare sempre più oltre i confini nazionali per attrarre turisti d’oltralpe».

La notte romantica di Piediluco Alla luce dell’importante riconoscimento consegnato al Comune di Terni per il sito lacustre e quindi l’ingresso nel circuito ‘Borghi più belli d’Italia’, il prossimo 25 giugno, nell’ambito della tradizionale Festa delle acque, si terrà anche la ‘Notte romantica’, un evento dedicato all’amore che coinvolgerà tutti i borghi del club. Lo ha annunciato l’assessore Tedeschi che ha detto: «Quest’anno ricorre il 130esimo anniversario dalla redazione della primissima guida turistica del territorio ternano, scritta dal concittadino Luigi Lanzi, una bella coincidenza, questo riconoscimento ci deve inorgoglire e dobbiamo sempre più lavorare per il turismo».

Twitter @martarosati28

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.