domenica 31 maggio - Aggiornato alle 13:30

Terni, nuova gara per il percolato della discarica di Valle: «Poi interventi per la prevenzione»

Delibera della giunta per il trasporto dei liquami: bando da 700mila euro. Salvati: «Passo fondamentale»

La discarica di Villavalle

di Massimo Colonna

Ok alla nuova gara per il trasporto del percolato dalla discarica di Valle e via al progetto per interventi che puntano a prevenire l’accumulo di questo particolare tipo di rifiuto. Sono queste le linee emerse dall’ultima riunione di giunta a Palazzo Spada in cui l’esecutivo del sindaco Latini ha approvato la delibera in questione. Il caso percolato, come noto, è finito anche all’attenzione della magistratura ternana e ora arriva a un punto di svolta: il Comune infatti, nel prossimo Piano triennale delle opere pubbliche, punta a inserire anche la realizzazione di interventi direttamente in loco per prevenire l’accumulo di questo tipo di liquame (consistente in sostanza nel liquido che scaturisce dalle infiltrazioni d’acqua negli ammassi di rifiuti).

La delibera Il documento è stato approvato nel corso della riunione di giunta di mercoledì mattina a Palazzo Spada. Sul tavolo il documento dal titolo ‘Autorizzazione allo svolgimento della gara europea per il servizio di trasporto e smaltimento del percolato della ex discarica di voc. Valle per € 640.843,05’. L’obiettivo dell’atto è di «appaltare il servizio di trasporto e smaltimento del percolato individuando un soggetto che ne garantisca il corretto svolgimento». Ad oggi il servizio è svolto dall’Associazione Temporanea di Impresa  Ecodelta Srl-Eco2000 Sas, con il mandato che è in scadenza.

Il progetto Ecco perché serve un nuovo bando. «Occorre approntare una gara – si legge nel documento –  che possa garantire l’espletamento del servizio per un periodo di tempo più lungo possibile. Nel bando di gara sarà stabilito che l’appalto potrà essere interrotto qualora l’amministrazione comunale individui e renda operativa un’altra modalità di smaltimento del percolato prima dei termini stabiliti dal contratto».

I costi e i tempi La gara avrà un valore complessivo di 640.843,05 euro con durata «estesa fino alla concorrenza dell’importo totale, stimabile, in base ai dati pregressi di produzione di percolato, all’incirca in ventiquattro mesi, a partire dal mese di aprile 2020». La spesa complessiva trova copertura finanziaria nei bilancio 2020 (per 241.736,55 euro), in quello 2021 (per 317.613,46 euro) e nel bilancio 2022 (per 81.493,04 euro).

Rilancio Il Comune poi lancia un progetto per intervenire in maniera più efficace rispetto allo smaltimento del percolato della discarica. «L’approvazione della gara – spiega l’assessore all’Ambiente Benedetta Salvati – è un atto fondamentale perché questa amministrazione ha intenzione, e sarà previsto nel Piano triennale delle opere pubbliche, di effettuare interventi di prevenzione nella discarica, consistenti sostanzialmente nel capping (una sorta di impermeabilizzazione della discarica, ndr) con i presidi ambientali previsti, oltre alla successiva progettazione e installazione di un impianto di trattamento in loco del percolato».

@tulhaidetto  

I commenti sono chiusi.