giovedì 14 novembre - Aggiornato alle 00:23

Terni, il consiglio comunale approva il bilancio consolidato: «Ritardi tecnici dovuti al dissesto»

Ok dall’assemblea al documento finanziario che mette insieme anche i dati delle aziende partecipate

Arriva l’ok dal parte del consiglio comunale di Terni al bilancio consolidato 2018. Il documento è passato con 17 voti a favore e 10 contrari e fotografa la situazione finanziaria e patrimoniale e il risultato economico dell’attività complessiva dell’ente attraverso ogni sua articolazione, comprese le società controllate e partecipate.

I ritardi A causa dello slittamento dei tempi procedurali dovuto alla situazione del dissesto di Palazzo Spada, gli organismi di consolidamento hanno approvato i loro bilanci di esercizio prima che l’ente deliberasse l’area di consolidamento, ragione per la quale «non è stato tecnicamente possibile – spiega il Comune –  impartire direttive propedeutiche alla redazione del bilancio consolidato prima dell’approvazione dei bilanci di esercizio di tali organismi che, in alcuni casi, hanno adottato criteri non uniformi a quelli dell’ente». A partire dall’esercizio 2019, nonostante il perdurare dello stato di dissesto finanziario, «sarà possibile dare piena attuazione alle disposizioni riguardanti il bilancio consolidato, nel rispetto della tempistica dettata dalla normativa di riferimento». In sede di illustrazione dell’atto è stato sottolineato che lo schema di bilancio consolidato che è stato oggetto di approfondimenti di due sedute della commissione consigliare. Approfondimenti in particolare sulla modifica della normativa nazionale per il perimetro di consolidamento passato dal 3 al 10 per cento, con l’aumento quindi delle società entrate nel perimetro,  passate da 5 a 11 unità.

I commenti sono chiusi.