martedì 7 aprile - Aggiornato alle 19:47

Terni, Federconsumatori contro i tagli al trasporto locale: «Ci rimettono lavoratori e cittadini»

Per l’associazione situazione catastrofica per i pendolari e insostenibile per anziani e zone periferiche

di Lor. Pul.

Federconsumatori Terni contro i tagli al trasporto locale decisi dalla nuova giunta regionale: 1 milione 750 mila km in meno nel servizio extraurbano su gomma che corrispondono a 3,5 milioni di euro. Con inevitabili conseguenze sulla quantità e la qualità del servizio a danno di lavoratori, cittadini e soprattutto per i pendolari per i quali, secondo il presidente di Federconsumatori Terni, Franco Todaro, «la situazione è ormai insostenibile».

Frecciarossa e Minimetrò «É del tutto evidente – si legge nella nota di Todaro – che tali tagli non solo saranno a carico dei lavoratori di Busitalia, ma anche a carico dei cittadini, soprattutto delle persone anziane e di coloro che per ovvi motivi sono costretti ad usare i mezzi pubblici come unico mezzo di trasporto in particolare nelle zone periferiche delle città. Probabilmente anche i sindaci saranno costretti a tagliare le linee urbane, oppure, come si vocifera, aumentare il costo del biglietto. A fronte di ciò ci chiediamo per quale motivo, ad oggi, la Regione debba spendere svariati milioni di euro per la fermata del Freccia Rossa a Perugia e per il Minimetrò, che vanno ad aggravare la già difficile situazione economica».

Catastrofe per i pendolari Federconsumatori Terni parla di una situazione «catastrofica» in particolare per i pendolari. «Scontiamo anni di inefficienze e ritardi nell’ammodernamento delle linee ferroviarie, che penalizzano in particolare i pendolari che per esigenze lavorative devono recarsi ogni giorno fuori dalla regione – continua Todaro – non solo per i costi che devono sostenere, ma anche e soprattutto per i continui guasti, dovuti a linee ormai fortemente obsolete, e conseguentemente per i disservizi che provocano ritardi, a volte anche piuttosto pesanti, negli orari dei treni stessi».

Risposte che non arrivano Federconsumatori ricorda di aver più volte sollecitato sia la Regione Umbria che Trenitalia per la risoluzione di tali problematiche, ma le risposte tardano a venire o addirittura non arrivano. «Lo scorso mese di gennaio abbiamo chiesto ed ottenuto, insieme alle altre associazioni e al Cordinamento pendolari umbri, un incontro con l’attuale assessore ai trasporti della Regione. In quella occasione non solo si è discusso del rinnovo dell’accordo per la Carta Tuttotreno ma anche delle varie criticità dovute ai disservizi del trasporto ferroviario. Ad oggi – conclude Todaro – nonostante l’impegno dell’assessore ad una nuova convocazione nel giro di pochi giorni, unitamente ai responsabili di Trenitalia, non abbiamo ricevuto risposta alla nostra richiesta. Pensiamo che i trasporti siano un problema sociale e che proprio per questo debba essere affrontato con la dovuta attenzione da parte di tutti».

I commenti sono chiusi.