Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 19 gennaio - Aggiornato alle 20:45

Terni, comitato invalidi in pressing sulla giunta: «Ascoltateci o sarà sit-in al capodanno Ast»

Il gruppo torna ad alzare la voce: «In commissione si era impegnati  per superare le criticità, ma tutto tace»

Il comitato Invalidi e lavoro di Terni torna nuovamente a sollecitare la giunta comunale e il sindaco Leonardo Latini a farsi carico delle questioni inerenti il diritto al lavoro delle persone invalide. «Qualora la politica si dimentichi di noi – si legge in un comunicato stampa del gruppo – nostro malgrado saremo costretti a mettere in campo nuove iniziative di protesta, stiamo anche pensando ad un picchetto dinanzi ad Ast la sera di Capodanno».

Legge 68 Dopo la manifestazione dello scorso settembre il comitato invalidi e lavoro di Terni torna ad alzare la voce: «Mesi fa – si legge nel comunicato del gruppo – abbiamo chiesto un confronto con le istituzioni locali per affrontare le problematiche legate al mancato rispetto della legge 68. Questo confronto è parzialmente avvenuto, ma nell’apposita commissione consiliare gli esponenti della giunta si erano impegnati a dare seguito ad un percorso di ascolto, per fare chiarezza sulle modalità necessarie a superare le criticità che escludono tanti invalidi dalla possibilità di trovare lavori compatibili con le proprie condizioni. Ma a distanza di un mese tutto tace. Ci piacerebbe che chi governa Terni oltre pensare agli alberi e le lucine di Natale , pensasse un po’ anche agli ultimi e a far rispettare i loro diritti. Il Natale non è solo apparenza ma anche sostanza. Chissà se prima di organizzare il capodanno dentro Ast il sindaco si sia informato con la multinazionale su come all’interno di questa azienda venga applicata la legge 68? Dati che avremmo il piacere di sapere anche noi nell’apposita commissione consiliare che mai si è riunita nonostante gli impegni presi durante l’unica seduta in cui siamo stati ascoltati. Qualora la politica si dimentichi di noi, nostro malgrado saremo costretti a mettere in campo nuove iniziative di protesta, stiamo anche pensando ad un picchetto dinanzi ad Ast la sera di Capodanno. Abbiamo una dignità – chiosano – e siamo stanchi di essere presi in giro da chi siede su comode poltrone. Chi volesse unirsi o segnalare situazioni di disagio al comitato, può contattarci a questi recapiti: Corrado Montegaggi 328 303 9243 mail [email protected]».

I commenti sono chiusi.