sabato 15 dicembre - Aggiornato alle 12:20

Terni, arresto fino a tre mesi per chi chiede l’elemosina: ordinanza del sindaco

Vietati bivacco, stazionamento molesto e accattonaggio, ammessi solo gli artisti di strada. Gentiletti: «Poverofobia»

Un mendicante chiede l'elemosina

Emessa dal sindaco di Terni Leonardo Latini un’ordinanza che vieta, «per ragioni di decoro, tranquillità dei cittadini e vivibilità degli spazi», il bivacco o il pernottamento con sacchi a pelo, coperte e animali al seguito praticamente nei pressi di tutti i luoghi pubblici; nel provvedimento indicati parchi, mercatini, areee con manifestazioni in corso, semafori e così via. Vietato inoltre lo ‘stazionamento molesto’, nonché praticare ogni forma di accattonaggio, sollecitando o richiedendo denaro, anche con modalità vessatorie o simulando infermità o malattie ed importunando i passanti. Sono escluse dal campo di applicazione della presente ordinanza le esibizioni degli artisti di strada.

No accattonaggio Per chi non si attiene alle disposizioni del primo cittadino previsto l’arresto fino a tre mesi,  ovvero la sanzione prevista dall’art.650 del codice penale. L’entrata in vigore è fissata per l’8 dicembre, ma la misura è destinata ad avere probabilmente carattere permanente perché la scadenza è indicata alla modifica del regolamento di polizia urbana e comunque non prima di fine febbraio prossimo.

La politica L’ordinanza è stata pubblicata mercoledì e il capogruppo di Senso Civico Alessandro Gentiletti non ha perso tempo, subito un commento pepato, con riferimento lampante alle ultime accadute in aula dopo il post dei tre omofobi. L’azione del sindaco Latini, è stata definita di ‘Poverofobia’.

Le spiegazioni dell’amministrazione comunale «Come dimostrano i rapporti della polizia municipale – dicono da Palazzo Spada -, il fenomeno non è raro; negli ultimi mesi il Corpo è intervenuto 18 volte in alcune aree della città, in particolare nei giardini della ex Foresteria, al Foro Boario, in largo Frankl, in piazzale Bosco, in piazzale della Rivoluzione Francese, nel parcheggio dell’ex scalo merci della stazione, in piazza Dante, nel parco Ciaurro, in via Mola di Bernardo e in viale di Vittorio, emettendo anche ordini di allontanamento (Daspo urbano) nei confronti di persone che molestavano i passanti, o che si erano accampate abusivamente. Dobbiamo distinguere l’assistenza alle persone che hanno bisogno, della quale si occupano gli enti, le associazioni deputate e i nostri servizi sociali, dalla tutela della vivibilità cittadina e dalla prevenzione dei reati. Ricordo anche il recente caso della persona che chiedendo elemosina, minacciava con un coltello in mano. Queste situazioni vanno contrastate perché determinano un senso di insicurezza per i cittadini e scoraggiano l’accessibilità e la fruizione degli spazi pubblici, pregiudicando la quiete e la tranquillità oltre che le condizioni di pulizia delle aree interessate e facilitano condotte offensive della pubblica decenza e della sicurezza cittadina. Alcuni di questi fenomeni, specie quelli relativi all’accattonaggio molesto, si accentuano nei periodi immediatamente antecedenti le feste natalizia. Per questo l’amministrazione comunale ha ritenuto opportuno, attraverso il sindaco, emanare una nuova ordinanza».

Fiorini della Lega «In queste settimane – spiega Emanuele Fiorini, consigliere comunale e regionale della Lega – sono stato in contatto con il sindaco Latini per arrivare insieme alla determinazione di una ordinanza utile a contrastare il fenomeno dell’accattonaggio e dei parcheggiatori abusivi. Di chiacchiere e false notizie ne sono state dette e scritte tante, ma sono i fatti quelli che contano. Ciò che importa è che le forze di polizia hanno degli strumenti in più per tutelare la sicurezza e la tranquillità dei cittadini. Questo è solo un primo passo. Con il decreto sicurezza di Salvini, l’ordinanza comunale anti accattonaggio e le prossime iniziative che stiamo portando avanti, riusciremo a riportare una volta per tutte la città di Terni alla normalità».

Il Pd «Ritengo sbagliato – scrive Francesco Filipponi, capogruppo in consiglio del Partito democratico –  affrontare il grave disagio sociale che vive una parte di cittadini ternani considerandolo un solo problema di ordine pubblico o di decoro.  Riteniamo invece importante il rafforzamento dei servizi sociali, del controllo del territorio che salvaguardi dalla strada i soggetti più vulnerabili e privi di risorse economiche. Le situazioni di povertà assoluta, e crescita del disagio sociale ed economico possono essere affrontate insieme alle tante realtà che operano nel mondo del volontariato. Sono tante le associazioni e i gruppi di cittadini, le parrocchie, i centri sociali che hanno tentato di dare sostegno e aiuto alla popolazione più vulnerabile, in particolare alle persone senza casa e in difficoltà».

I commenti sono chiusi.