martedì 20 agosto - Aggiornato alle 05:54

Terni, acqua potabile vietata per innaffiare orti e non solo: previste multe fino a 500 euro

Ordinanza del sindaco Latini limita l’utilizzo della rete idrica pubblica gestita dal Sii fino al 30 settembre

Divieto di prelievo dalla rete idrica di acqua potabile per uso extradomestico ed in particolare per l’innaffiamento di orti, giardini, il lavaggio di automezzi, la pulizia e il lavaggio di fosse biologiche, con esclusione degli operatori professionali. È quanto disposto dal sindaco di Terni Leonardo Latini tramite ordinanza, con efficacia dal 9 agosto al 30 settembre.

Acqua potabile off limits per usi extradomestici I prelievi di acqua dalla rete idrica sono consentiti esclusivamente per normali usi domestici, zootecnici e industriali e comunque per tutte quelle attività regolarmente autorizzate per le quali è necessario l’impiego di acqua potabile. Sono esclusi i servizi di igiene urbana. Il riempimento delle piscine, pubbliche e private, nonché il rinnovo parziale dell’acqua nelle stesse è consentito al solo fine del mantenimento dei parametri di igiene, previo accordo sulle fasce orarie da concordare con il gestore della rete di acquedotto. Le violazioni dell’ordinanza saranno perseguite con l’applicazione della sanzione amministratiuva pecuniaria da 25 a 500 euro. Il provvedimento si è reso necessario per un corretto uso delle risorse naturali, in particolare della risorsa idrica, bene che la cui scarsità potenziale aumenta nella stagione estiva.

Terni Nel dispositivo dell’ordinanza il sindavo invita inoltre i cittadini a un impiego limitato, responsabile e razionale della risorsa idrica al fine di evitare inutili prechi; controllare il corretto funzionamento dei propri impianti idrici al fine di individuare eventuali perdite occulte; attrezzare i sistemi irrigui del verde con irrigazione a goccia e sistemi temporizzati; usare dispositivi per il risparmio idrico; usare lavatrici e lavastoviglie sempre a pieno carico; preferire per l’igiene personale l’uso della doccia in aternativa alla vasca da bagno.

I commenti sono chiusi.