Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 13 aprile - Aggiornato alle 02:31

Successo inatteso per la pizzeria nata e cresciuta con il Covid: una storia «fuori dall’ordinario»

Il locale Lievito di Corciano, tra pizza, bollicine e cocktail, costretto a chiudere dopo un solo giorno di incassi: ad un anno di distanza la sfida è comunque vinta, almeno in parte

Lo staff della pizzeria Lievito all'opera per le pizze d'asporto

di D.N.

La pandemia non regala mai buone notizie. A volte però qualche eccezione si può trovare. Come il successo, davvero inatteso, per la pizzeria nata e cresciuta con il Covid. Tra gennaio e febbraio 2020 mentre a Corciano di Perugia le luci di un locale chiuso ormai da tempo si stavano riaccendono, grazie a dei lavori in corso, in Italia si iniziava a fare la conoscenza di un virus sconosciuto, con una escalation a seguire ormai a tutti nota. Il 7 marzo viene affissa l’insegna e aperte le porte viene inaugurato Lievito. Pizza, cocktail e bollicine. Il successo è tangibile. Dozzine di persone si presentano alla porta e seguono seppur goffamente le nuove norme anti Covid. Due giorni dopo, il 9 marzo, il primo DPCM di una lunga serie costringe il locale a chiudere dopo un solo giorno di incassi.

Reattività Eppure il 7 marzo 2021 Lievito compirà un anno in buona salute. Ma la storia di successo e di perseveranza della pizzeria corcianese è una storia fuori dall’ordinario, non soltanto perché travolto dallo straordinario anno passato. La storia di Lievito, a 12 mesi precisi di attività, è quella di un’impresa che ce l’ha fatta seppur aprendo durante una pandemia mondiale. Invece di restare sconfitti dall’emergenza epidemiologica il team di Lievito – tutto under25 – ha subito reagito. Pochi giorni dopo infatti ha attivato il servizio da asporto e il servizio a domicilio su tutto il territorio limitrofo.

Pizza di qualità A premiare la pizzeria però non è stata soltanto la reattività, la mission di Lievito infatti, come spiegano i suoi artefici, “è di servire pizze con ingredienti di altissima qualità, impasti innovativi ma sempre leggeri, e una selezione di vini e bollicine degne di una cantina da collezionista”. Un prodotto così quindi non può che essere notato, soprattutto se declinato in combinazioni audaci e fantasiose come fatto sul menu in continuo aggiornamento. La scommessa più grande di Lievito è sicuramente nell’investimento su ricerca e sviluppo in tutte le fasi, della produzione e della vendita. “Si è scelto fin da subito – aggiungono – di voler sperimentare, sia nell’accostamento di ingredienti mai visti prima insieme, che nelle combinazioni tra pizze, vini e cocktail, non dimenticando il rispetto delle tradizioni con una proposta eclettica per tutti i gusti”.

Innovazione e menu A fare da catalizzatore a tutte queste iniziative imprenditoriali però è stato il lavoro dietro i social media che Lievito ha aperto prima delle porte del locale. Da allora è stata protagonista del panorama culinario umbro grazie a campagne di comunicazione innovative e intriganti. L’innovazione tuttavia non è soltanto un ideale per Lievito. La pizzeria è già al suo terzo menu. “È infatti inutile parlare di freschezza dei prodotti se nell’alimentazione non si scelgono prodotti di stagione, per questo al cambiare delle stagioni è subentrata la necessità di cambiare le pizze disponibili”. Nell’epoca delle edizioni limitate di Supreme, Elon Musk e Kanyen West, anche lievito ha deciso di festeggiare il suo primo compleanno con una capsule di pizze speciali create per celebrare il successo del primo anno. Con broccoli romani, alici del Cantabrico e zafferano di Cascia da una parte, crema di zucca, speck affumicato e taleggio dall’altra, Lievito ha dedicato il compleanno alla sonda recentemente atterrata su Marte, Perseverance. “Con la giusta perseveranza infatti è possibile affrontare le difficoltà, realizzare i propri sogni e muoversi verso nuove frontiere, nuovi mondi, pur partendo da Perugia, o meglio, da Corciano”.

I commenti sono chiusi.