Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 6 dicembre - Aggiornato alle 12:24

Spoleto, via a 140 mila euro di lavori per riqualificare campi di San Nicolò

Interventi da ultimare entro febbraio, erba sintetica dove ora c’è la terra battuta

Uno dei campi del quartiere San Nicolò di Spoleto

Iniziano la prossima settimana i lavori da 140 mila euro circa attesi sistemare i campi sportivi del quartiere San Nicolò di Spoleto. In particolare, il cantiere prevede la riqualificazione del campo rendendolo utilizzabile sia per il calcio che per il rugby, mentre sul secondo terreno si procederà alla copertura parziale in erba sintetica, «che diventerà uno spazio per la scuola calcio e rugby», come si legge in una nota del Comune di Spoleto. La fine dei lavori, affidati alla ditta Costruzioni Campana, è prevista per il febbraio prossimo.

Riqualificazione campi di San Nicolò a Spoleto «Si tratta – spiegano dal municipio – di un progetto che punta a creare uno spazio polivalente, prevedendo anche una serie di interventi per migliorarne la sicurezza, la manutenzione e l’accessibilità degli spazi». Nel dettaglio, il progetto finanziato per 100 mila euro dalla Regione e per i restanti 45 mila euro dal Comune porterà con sé «l’abbattimento delle barriere architettoniche a ridosso degli spogliatoi, migliorando così l’accesso al campo in terra battuta, dove attualmente sono presenti delle scale in muratura», ma anche, si legge sempre nella nota del Comune di Spoleto «la realizzazione di un impianto di irrigazione per mantenere l’erba in buono stato, l’installazione di reti di protezione verticali per evitare pericoli per l’esterno (lungo il lato est dell’impianto c’è una strada comunale) e l’adeguamento sismico del locale adibito a centrale termica e del muro di contenimento presente nelle vicinanze». Insieme all’intervento di copertura in erba sintetica di una parte del campo oggi in terra battuta «è prevista la creazione di un locale, a ridosso della nuova centrale termica, per avere un spazio per la documentazione amministrativa e ricoverare i dispositivi di pronto soccorso tra cui un defibrillatore».

I commenti sono chiusi.