giovedì 27 febbraio - Aggiornato alle 21:48

Spoleto, raccolta differenziata sale al 56%: cambia il porta a porta per 8.500 utenze. Nuove fototrappole

La fotografia scattata in Comune con gli studenti della Alighieri vice campioni nazionali nel riciclo della plastica

La III B della scuola media Alighieri in Comune col sindaco

di Chia.Fa.

Raccolta differenziata sale dal 45 al 56 per cento in sei mesi trainata dall’avvenuta estensione del porta a porta in zona viale Marconi, Morro-Collicelli e Santo Chiodo, ma il traguardo del 72 per cento entro la fine del 2020 è ancora lontano. Anche per questo scatterà la modifica del sistema di raccolta porta a porta per circa 8.500 utenze della città: le prime saranno le 3.200 tra famiglie e imprese di Baiano di Spoleto, San Giovanni di Baiano e San Martino in Trignano. Ad ascoltare le novità dell’igiene urbana anche gli studenti della III B della scuola media Alighieri incoronati vice campioni nazionali nel recupero della plastica, nell’ambito del contest school promosso dal Corepla, e accolti in municipio dal sindaco Umberto De Augustinis e dal presidente della Vus Lamberto Dolci.

Differenziata sale al 55% Il potenziamento della raccolta differenziata in Alta Marroggia scatterà entro luglio, poi si passerà alle altre 5.300 utenze distribuite in varie zone della città, come spiegato dall’assessore alla partecipate Alessandro Cretoni, che ha anche annunciato «l’arrivo di nuove fototrappole, dopo quelle già concesse dall’Auri: chiediamo alla città di collaborare, perché tutti stiamo lavorando per raggiungere l’obiettivo del 72 per cento». In particolare, l’upgrade per 8.500 utenze di igiene urbana consiste nell’eliminazione dei cassonetti stradali per i rifiuti indifferenziati e organici, che saranno quindi ritirati porta a porta negli appositi mastelli in distribuzione alle famiglie.

Come cambia il porta a porta Lungo le vie, invece, resteranno soltanto i contenitori del vetro, così da omogenizzare su tutto il territorio comunale le modalità di raccolta differenziata dei rifiuti: «Dall’Alta Marroggia – ha detto il direttore di Vus Walter Rossi – ci aspettiamo un incremento del 4 per cento, mentre per le ulteriori 5 mila utenze non abbiamo ancora una stima. Completata l’operazione – ha proseguito – l’intero territorio comunale di Spoleto risulterà completamente coperto dallo stesso sistema di raccolta porta a porta spinto». Ma anche così il traguardo del 72 per cento non appare a portata di mano, tanto che «occorrerà definire misure e attività di sensibilizzazione – dice Rossi – per crescere ancora nei livelli di differenziazione dei rifiuti».

Studenti campioni di recupero plastica E una mano potranno sicuramente darla anche i più giovani, a cominciare dagli studenti della Alighieri che hanno vinto il contest del Consorzio del recupero plastica realizzando, col coordinamento dalla prof Luciana Buscaglia, il meme Poltrone&Coreplà: gli artigiani della qualità su cui campeggia un divano fatto con le bottiglie di plastica. Gli studenti, dopo aver superato un test di trenta domande mirate sul riciclo, sono arrivati primi a livello regionale e secondi al contest nazionale anche grazie al video in stop motion sulle tartarughe morte in mare o sulle spiagge dopo aver ingerito plastica: è successo a febbraio nel Cilento, a Marina di Camerota, dove un esemplare è stato trovato morto con lo stomaco pieno di plastica e proprio il 6 giugno all’Isola d’Elba un gruppo di canoisti ha avvistato e recuperato una tartaruga morta, che deve essere sottoposta ad autopsia per accertare la presenza di plastica nello stomaco. «Sono sicuro – ha detto il sindaco agli studenti – che ce la faremo a trasformare davvero i rifiuti in una risorse, anche perché è una questione di sopravvivenza». Non solo per le tartarughe.

@chilodice

I commenti sono chiusi.