sabato 16 dicembre - Aggiornato alle 23:23

Spoleto, lavori del Ponte delle Torri in alto mare: rischio chiusura altri due anni

Progettazione del consolidamento da 1,6 mln attesa per febbraio, poi l’appalto. Appello del sindaco: «Profonda preoccupazione»

Ponte delle Torri (foto Fabrizi)

di Chiara Fabrizi

E’ ancora in alto mare l’iter per i lavori di consolidamento del Ponte del Torri, chiuso dal terremoto del 24 agosto 2016 e che potrebbe non riaprire prima di fine 2019, forse perfino inizio 2020. Il timing per il cantiere del monumento simbolo di Spoleto è ancora incerto, ma le previsioni circolate dopo l’appello del sindaco Fabrizio Cardarelli non sono per niente rassicuranti.

CONTRACCOLPI SICUREZZA STRADALE E ‘ISOLAMENTO’ MONTELUCO

Progettazione ok a febbraio poi gara lavori Martedì, infatti, sono scaduti i termini per la presentazione delle manifestazioni di interesse per portare ad esecutiva la progettazione degli interventi. Le buste saranno aperte nel giro di una settimana, dopodiché il Polo museale dell’Umbria dovrà pubblicare la gara vera e propria, riservata solo a chi si è fatto formalmente avanti, per l’aggiudicazione della progettazione. L’obiettivo, almeno in questa primissima fase, è di disporre di tutte le carte di cantiere entro febbraio, al massimo a marzo 2018: a quel punto si potrà avviare la procedura per appaltare 1,6 milioni di lavori finanziati dal ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo (Mibact).

Ponte delle Torri rischio chiusura altri due anni A fare da stazione appaltante potrebbe essere Invitalia, l’agenzia del ministero dell’Economia e delle Finanze, dove si stima che tra l’invio della progettazione, la stesura del bando di gara, la pubblicazione, i tempi tecnici per presentare le domande, l’analisi delle offerte e l’aggiudicazione potrebbero trascorrere altri otto, forse perfino dieci mesi. Il rischio abbastanza concreto, dunque, è che il 2018 del Ponte delle Torri si esaurisca in procedure burocratiche. Dopodiché i lavori vanno naturalmente eseguiti: i tempi di cantiere saranno definiti a progettazione completata, ma anche qui si gira tra gli otto e i dieci mesi, col risultato che il monumento simbolo di Spoleto potrebbe tornare a essere percorribile a fine 2019 o a inizio 2020.

@chilodice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *