domenica 23 febbraio - Aggiornato alle 03:13

Spoleto, con l’aiuto dei volontari all’ospedale apre lo Sportello oncologico

Otto associazioni lanciano il servizio per tentare di ridurre il carico di paure e angosce inevitabile dopo la diagnosi

Ospedale di Spoleto (foto Fabrizi)

Sportello oncologico al San Matteo degli Infermi con l’aiuto della associazioni di volontariato. Progetto di accoglienza dei pazienti per l’Oncoematologia dell’ospedale di Spoleto che sarà completamente gestito dai volontari Aucc, Amo, Aglaia, Caritas diocesana, Stella d’Italia, Cittadinanza attiva, Gillo e Il Cigno che  hanno già partecipato, nelle scorse settimane, a un corso di formazione organizzato dalla Usl «e sono quindi – si legge in un comunicato dell’azienda – in grado di fornire informazioni mirate e puntuali sull’attività dell’Oncoematologia gestendo, eventualmente, anche gli appuntamenti con i medici del reparto».

Sportello oncologico all’ospedale di Spoleto La presenza dei volontari sarà utile anche per eventuali richieste assistenziali, sia ospedaliere che domiciliari, che potranno essere garantite dalle varie associazioni con la finalità di «dare risposte concrete ai bisogni dell’utenza che afferisce al servizio ed in generale all’ospedale riducendo quel carico di paure ed angosce che inevitabilmente la diagnosi di tumore porta con sé e che altrettanto inevitabilmente si ripercuotono nel rapporto con un reparto oncologico». Lo sportello per i pazienti reso operativo grazie all’impegno dei volontari è «l’ennesima conferma dell’impegno e della disponibilità che – evidenziano dalla Usl Umbria 2 – le associazioni da sempre manifestano per migliorare i livelli di umanizzazione delle cure svolte nell’ospedale di Spoleto».

I commenti sono chiusi.