Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 19 gennaio - Aggiornato alle 21:08

Sicurezza, il Comune di Baschi dice sì alle telecamere di videosorveglianza

Prevenzione e repressione illeciti, occhio a fenomeni di degrado e abbandono di rifiuti e controllo flussi di traffico

Inutile sperare nelle registrazioni per acciuffare i ladri

Stop alla microcriminalità e ai trasgressori delle norme in materia di rifiuti. L’amministrazione comunale di Baschi ha approvato il regolamento per l’installazione e l’utilizzo delle apparecchiature di videosorveglianza allo scopo di aumentare i livelli di sicurezza. Gli impianti serviranno a prevenire e reprimere atti delittuosi, attività illecite ed episodi di microcriminalità commessi sul territorio comunale, al fine di garantire maggiore sicurezza ai cittadini nell’ambito del più ampio concetto di sicurezza urbana.

Sindaco Damiano Bernardini Serviranno inoltre a prevenire e reprimere ogni tipo di illecito, di natura penale o amministrativa, in particolare legato a fenomeni di degrado e abbandono di rifiuti, e a svolgere i controlli volti ad accertare e sanzionare le violazioni delle norme contenute nel regolamento di polizia urbana, nei regolamenti locali in genere e nelle ordinanze sindacali. Altri obiettivi sono la vigilanza sull’integrità, sulla conservazione e sulla tutela del patrimonio pubblico e privato, la tutela dell’ordine, il decoro e la quiete pubblica e il controllo delle aree specifiche del territorio comunale. Le telecamere infine serviranno a monitorare i flussi di traffico e gli accessi alle zone a traffico limitato, verificando e calibrando il sistema di gestione centralizzata degli impianti semaforici e attivando uno strumento operativo di protezione civile sul territorio comunale.

I commenti sono chiusi.