Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 8 dicembre - Aggiornato alle 13:09

Sette uffici postali potenziano le aperture, ma i sindaci: «Serve un piano per tornare al pre Covid»

Passo in avanti dopo il pressing istituzionali, Toniaccini di Anci: «Vogliamo capire portata complessiva della riorganizzazione»

Un ufficio postale -©Fabrizio Troccoli

Sette piccoli uffici postali potenziano l’orario di apertura, ma il presidente di Anci (associazione nazionale comuni italiani) Umbria, il sindaco di Deruta Michele Toniaccini, chiede di più.

Sette uffici postali potenziano l’orario In particolare, da lunedì 29 novembre aumenta l’operatività delle filiali di Castiglione della Valle (Marsciano), Piedipaterno sul Nera (Vallo di Nera), Pierantonio (Umbertide), Pontenuovo, Viole (entrambi nel comune di Assisi) e Porchiano (Amelia). Ad annunciarlo è direttamente Toniaccini a seguito di un’interlocuzione telefonica con Paolo Pinzani (responsabile relazioni istituzionali area Centro-Nord di Poste Italiane). Passo in avanti, dunque, su una vicenda, quella della riduzione del servizio, che era stata anche al centro di una seduta della competente commissione regionale lo scorso aprile, a cui ha partecipato lo stesso Pinzani, oltreché altri dirigenti di Poste Italiane.

Sindaci: «Serve un piano per tornare al pre Covid» Toniaccini, però, pur accogliendo con «soddisfazione«» il potenziamento dell’orario di apertura, ma sollecita all’azienda «un piano definito anche per le riaperture degli uffici postali in quei territori tuttora sprovvisti di servizi». Il particolare, il presidente di Anci chiede un nuovo confronto ai manager al fine di «capire qual è la portata complessiva della riorganizzazione, quali territori saranno toccati dal ripristino degli orari pre Covid e dalle riaperture di quelle sedi ancor oggi chiuse, oltre ai tempi di attuazione».

I commenti sono chiusi.