giovedì 22 giugno - Aggiornato alle 16:14

Perugia, sabato il convegno sulle scie chimiche e la marcia ma il Comune revoca il patrocinio

La locandina del convegno

di Dan. Bo.

Niente più patrocinio al convegno scuce scie chimiche che si terrà sabato, dalle 9 alle 19, nel luogo più prestigioso del centro storico di Perugia, la sala dei Notari. La comunicazione ufficiale da parte del Comune di Perugia, dopo un mese di polemiche e di trattative, «è arrivata – dice a Umbria24 Amato John De Paulis, medico veterinario, attivista, ex candidato a sindaco e a presidente della Regione e coordinatore del convegno – due giorni fa. E ci dispiace che tutta l’attenzione si sia concentrata su questo fatto piuttosto che sul problema delle scie chimiche». Nelle scorse ore a palazzo dei Priori c’era un certo nervosismo per veder circolare ancora il logo del Comune sul materiale dell’iniziativa di sabato, compresa la pagina Facebook che la sponsorizza.

IL CONVEGNO E LE POLEMICHE

La marcia «I manifesti – continua Amato – li abbiamo già stampati ma per essere corretti metteremo una X sopra il logo del patrocinio. Peraltro la soluzione del ritiro l’avevamo suggerita noi nel corso dell’ultima conferenza stampa. Con il sindaco Andrea Romizi e con il suo staff siamo in perfetta sintonia. A noi non interessa né il patrocino né le polemiche, vogliamo solo avvertire i cittadini a proposito di quello che sta succedendo. Vedrete, domani ci sarà molta gente». In programma gli organizzatori hanno non solo il convengo, ma anche una marcia lungo corso Vannucci dalle 13 alle 13.30; un evento in contemporanea con le marce che si terranno «in diverse città del mondo con lo scopo di sensibilizzare la cittadinanza riguardo alla geoingegneria ed alla manipolazione climatica, due tematiche che da qualche anno costituiscono una fonte sempre maggiore di dibattito e di preoccupazione in molti Paesi». Un dibattito, quello sulle scie chimiche, bollato già da anni dal mondo scientifico come una bufala.

Twitter @DanieleBovi