venerdì 19 aprile - Aggiornato alle 16:28

Ritorna la neve in Umbria: ecco le previsioni, dove e quando

Potremo assistere anche a nevicate abbondanti: tutti i particolari sui prossimi giorni

Spoleto (foto Fabrizi)

Non soltanto per l’Umbria ma per tutta la Penisola da oggi, giovedì, si apre una fase meteorologica nuova, caratterizzata dal transito di impulsi perturbati provenienti dall’oceano Nord Atlantico. A siegarlo è Fabio Pauselli meteorologo di Umbria meteo che fa chiarezza anche rispetto a informazioni errate che circolano, principalmente in rete, spesso sostenute anche da agenzie di rilevamento più inclini ai click che alla precisione delle informazioni. C’è in arrivo aria più umida – spiega – ed inizialmente più mite rispetto a quella dei giorni scorsi.  Inizialmente perchè poi, da domani, con l’approfondimento di un centro depressionario sopra l’Italia, inizierà ad affluire aria progressivamente più fredda, proveniente sempre dall’Europa nord occidentale. Si precisa Europa nord occidentale, nulla a che fare, cioè, con l’est Europa o addirittura con la Siberia. Quest’impulso perturbato nord atlantico e la bassa pressione che ne scaturirà, porteranno sull’Umbria piogge intermittenti nei fondovalle e neve in montagna, inizialmente oltre i 1200 metri di quota, poi a partire da domani, venerdì 18 gennaio, fin sui 700 metri a cominciare dal nord dell’Umbria.  Sabato 19 gennaio migliorerà con qualche residua, isolata precipitazione solo in Appennino che però diventa nevosa fin sui 500/700 m di quota. Nel pomeriggio di sabato 19 gennaio il cielo sereno avanzerà da nord ovest ed entro la serata sarà sereno ovunque.

Da domenica La giornata di domenica inizierà con cielo sereno su tutta l’Umbria e gelate estese, temperature minime anche tra i -4°C ed i -6°C nei centri cittadini lungo l’Appennino, con probabilità di raggiungere anche -8°C/-10°C in Valnerina. La giornata poi proseguirà con un aumento della nuvolosità da nord ovest con prime precipitazioni in serata. Le precipitazioni, tra la tarda serata di domenica 20 e la mattinata di lunedì 21 gennaio, stando ai dati odierni, sembra possano essere più abbondanti nel sud dell’Umbria e meno nel nord, ma soprattutto potrebbero assumere carattere nevoso fin sui 300/500 metri sul nord dell’Umbria e 500/700 metri nel sud. Probabilmente altre occasioni per nevicate fino a quote basse si avranno anche tra il 22 ed il 25 gennaio perché l’Italia si troverà in un’area di convergenza tra aria più mite ed umida nord atlantica e, stavolta, aria più fredda proveniente dall’Europa orientale, quindi la possibilità di avere nevicate anche di una certa consistenza si giocherà sull’equilibrio dei due ingredienti principali: umidità disponibile e temperature basse. Nelle zone dove prevarrà l’umidità avremo più precipitazioni ma neve a quote medio basse, collina o alta collina, nel caso invece prevalesse l’aria fredda avremo nevicate fin sui fondovalle ma scarsi quantitativi o in alcune aree anche nulla, nelle aree però dove il mix sarà perfetto potremo avere nevicate abbondanti di 10-20 cm, anche sui fondovalle.

I commenti sono chiusi.