Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 12 agosto - Aggiornato alle 16:55

Rimossa la guardia medica a Sellano, Cerreto di Spoleto, Preci e Monteleone di Spoleto

Il consigliere Battista: «Nel nostro Comune hano tolto ufficio postale, pediatra, bus, e ora questo servizio che è essenziale»

«La rimozione della guardia medica nei comuni di Sellano, Cerreto di Spoleto, Preci e Monteleone di Spoleto è l’ultimo di una serie di sabotaggi agli sforzi di ridare vita alle aree interne». È quanto sostiene Roberto Battista, consigliere, comune di Sellano, secondo il quale «il fatto che non sia un episodio isolato mette in luce una fondamentale incongruenza di intenti». «Da tempo – si legge in una nota – si parla di ripopolamento delle aree interne, molto si è detto sul soggetto e diversi elementi dei Pnrr sono intesi a favorire un nuovo tipo di sviluppo che valorizzi il patrimonio di borghi e territori che il mondo ci invidia. Appare quindi paradossale che in parallelo tutta una serie di azioni vadano in senso contrario, rimuovendo da questi luoghi servizi che sono essenziali per i residenti e per attrarne di nuovi».

Servizi persi Nel caso del nostro comune – insiste Battista -«prima c’è stata la riduzione dei giorni di apertura dell’ufficio postale, inizialmente a causa della crisi Covid, poi la rimozione del pediatra, senza dimenticare la drastica riduzione del numero di corse del servizio bus nel corso dell’estate, e ora quella della guardia medica. L’unico motivo che si può intuire dietro queste scelte – prosegue il comunicato – è che questi servizi essenziali non sono visti come tali da chi li amministra ma come interessi di imprese che devono generare profitto, e in quell’ottica l’interesse dei cittadini diviene secondario».

I commenti sono chiusi.