Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 19 ottobre - Aggiornato alle 21:40

Ricostruzione, ok al progetto per riparare i danni della basilica patrimonio Unesco di Spoleto

Previsti un anno di lavoro per San Salvatore chiusa dal sisma del 2016 e la gara è in capo al Comune

La basilica di San Salvatore (foto di Di Cicco Pucci)

di Chiara Fabrizi 

A cinque anni dal terremoto del 2016 arriva l’approvazione del progetto di riparazione dei danni riportati dalla basilica di San Salvatore di Spoleto patrimonio Unesco dal 2011, chiusa proprio dalla sequenza sismica che ha messo in ginocchio un angolo di Centro Italia. A dare il via libera agli interventi, dopo aver incassato i pareri favorevoli della Soprintendenza e di tutti gli altri enti coinvolti, è stata la conferenza regionale guidata dall’architetto Filippo Battoni.

Ok al progetto di San Salvatore Unesco Secondo quanto emerge i lavori dovranno durare un anno e la pubblicazione della gara per l’affidamento è in capo al Comune di Spoleto, mentre il costo dell’intervento di miglioramento sismico, necessario per superare l’inagibilità di San Salvatore gira intorno al milione di euro, a cui si sommano i costi già sostenuti per la definizione del progetto. Inutile dire che i lavori, come spiega una nota dell’Ufficio speciale per la ricostruzione, «avranno come punto fermo il mantenimento dell’integrità di ogni elemento di pregio presente: a tal fine verranno eseguiti gli interventi di restauro architettonico e di messa in sicurezza degli apparati decorativi senza alterare in alcun modo lo stato dei luoghi».

Un anno di lavori Nel dettaglio gli interventi, che verosimilmente non partirà prima della prossima primavera, «l’eliminazione delle carenze strutturali dell’edificio emerse dopo il sisma del 2016 attraverso la riparazione delle murature con tecnica dello scuci-cuci o mediante iniezioni a bassa pressione di malte di pura calce naturale». Col cantiere post sisma per San Salvatore di Spoleto, edificio a tre navate che nella zona centrale è coperto da una struttura a volta su base ottagonale, «verranno rafforzati gli archi in muratura; consolidate le volte di sottotetto in pietrame-laterizio e si prevede l’irrigidimento e il rifacimento delle coperture lignee.

@chilodice

I commenti sono chiusi.