sabato 20 ottobre - Aggiornato alle 04:59

Ricerca, da università Perugia nuovo microscopio esplora cellule tumorali. Pubblica Nature

Riesce a visualizzare l’elasticità delle cellule tumorali: soffici fino al punto di favorire metastasi

Un laboratorio di ricerca

 

Team di ricercatori dell’ateneo di Perugia e del Cnr ha messo a punto un nuovo microscopio che in maniera non invasiva riesce a sondare le proprietà elastiche e biochimiche di cellule e tessuti, ottenendo un potenziale nuovo strumento strategico per la diagnostica.

Di cosa si tratta Le cellule che compongono ogni organismo vivente – rende noto l’università perugina attraverso una nota stampa -, hanno proprietà e forme diverse a seconda della loro funzione e del loro stato. Le eventuali modifiche nell’elasticità delle cellule, o dei tessuti biologici in generale, sono sintomi ed effetti di diverse patologie: l’indurimento delle coronarie genera problemi cardiaci, l’indebolimento delle ossa causa complicazioni ortopediche, e così via. La nuova tecnica sperimentale pubblicata oggi riesce, in maniera non invasiva, a sondare le proprietà elastiche e biochimiche di cellule e tessuti offrendo, quindi, in prospettiva un nuovo importante strumento diagnostico.

Sotto la lente del microscopio Lo studio su singole cellule viventi è stato possibile grazie all’utilizzo di questo nuovo microscopio – si apprende ancora – messo a punto nel laboratorio Ghost del dipartimento di Fisica e geologia coordinato dal professore Fioretto: il sistema ottico, sfruttando l’interazione tra la luce e la materia, è in grado di acquisire in maniera congiunta spettri Brillouin e Raman e di fornire, senza toccare né perturbare le cellule, una mappa delle loro proprietà meccaniche e molecolari.

La ricerca L’innovativa analisi dati realizzata da Maurizio Mattarelli del Nips lab – Noise in physical systems – del dipartimento di Fisica e geologia, ha permesso di visualizzare la modulazione meccanica generata dalle strutture proteiche subcellulari all’interno delle singole cellule. Inoltre dal test effettuato su cellule in condizioni fisiologiche e patologiche, (reso possibile grazie alla collaborazione con il laboratorio di Biochimica di Carla Emiliani del dipartimento di Chimica), «si è osservato che le cellule tumorali sono significativamente più soffici: questa proprietà può spiegare il loro potenziale invasivo, in quanto la loro aumentata capacità di deformazione ne aiuta la diffusione attraverso gli stretti spazi della matrice extracellulare favorendo lo sviluppo di metastasi» Lo studio – conclude la nota dell’universtità -, evidenzia come le proprietà meccaniche delle cellule possano costituire un nuovo bio-marker per situazioni patologiche e come la tecnica proposta possa diventare un potenziale strumento di diagnosi, anche nelle patologie tumorali.

Note Il lavoro è frutto della collaborazione del dipartimento di Fisica e geologia (con i ricercatori Sara Mattana, Maurizio Mattarelli, Daniele Fioretto), del dipartimento di Chimica biologia e biotecnologie (Lorena Urbanelli, Krizia Sagini, Carla Emiliani), dell’Istituto officina dei materiali del Cnr (Silvia Caponi) e dell’Istituto di biofisica del Cnr di Trento (Mauro Dalla Serra), è stato pubblicato oggi sulla prestigiosa rivista Nature – ‘Light: science and applications (Lsa)’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.