Quantcast
giovedì 19 maggio - Aggiornato alle 07:44

Riapre la pasticceria Sandri a Perugia, martedì l’annuncio della data

Le serrande chiuse della storica pasticceria - Foto Fabrizio Troccoli

Uno dei ‘locali storici italiani’ ammesso all’esclusivo club che raccoglie locali con lunghe e importanti storie alle spalle – l’unico che può vantare Perugia – aperto da Jachen Schucan sceso dai Grigioni svizzeri verso la metà dell’800, “il Sandri”, dopo risistemazioni organizzative e finanziarie è prossimo alla riapertura. Così lo annuncia, attraverso una nota stampa, la proprietà.

TUTTA LA VICENDA

IL VIDEO

La nota Un appuntamento atteso dalla città che in questi mesi di chiusura ha espresso il proprio disappunto per quelle saracinesche chiuse e ha manifestato la fiducia che presto si potessero riaprire. Ed eccoci. Coniugando la tradizione della eccellenza nella qualità e nel servizio, garantita da Carla Schucani nello storico laboratorio di via del Dado – continua la nota – con il dinamismo imprenditoriale, già consacrato in varie parti dell’Umbria, di Francesco Ferretti, Sandri tirerà su la serranda per non più abbassarla (nel senso che rimarrà sempre alzata, anche negli orari di chiusura, avendo ora i vetri blindati), potendo così esporre le sue dolcezze e le celebri sculture in zucchero, che hanno raccontato e racconteranno ancora con la “dolce cronaca” eventi culturali della città e del mondo.

L’annuncio Perugia non ha perso, così, uno dei suoi gioielli, incastonato da più di un secolo e mezzo – continua la nota – nel cuore dell’acropoli, simbolo di una tradizione e di una storia importanti, un luogo di delizie gustate nel tempo da Curzio Malaparte, Riccardo Bacchelli, Erbert von Karajan, Re Gustavo di Svezia, fino a Ernesto Galli della Loggia che ne lamentava la sparizione nell’editoriale del Corriere della Sera del 15 luglio del 2013. La nuova squadrra della pasticceria Sandri incontrerà la stampa martedì 25 marzo alle ore 11,00 per annunciate la data della riapertura. Si parlerà della continuità e delle innovazioni, si dirà dei festeggiamenti, adeguati ai tempi, insieme agli amici di sempre, con le istituzioni, con ospiti importanti e con la città, viene reso noto nella comunicazione ai giornalisti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.