venerdì 24 marzo - Aggiornato alle 01:09

Perugia, Ztl arriva in corso Bersaglieri. Mobilità scuola-casa-lavoro: buoni sconto, nuova pista ciclabile e car sharing

Il nuovo varco è previsto in un progetto sulla mobilità sostenibile per il quale il Comune ha chiesto un milione al Ministero

Corso Bersaglieri

di Daniele Bovi

Più che restringersi, la Ztl a Perugia potrebbe allargarsi anche a corso Bersaglieri. Il Comune infatti negli scorsi giorni ha approvato la domanda di partecipazione per accedere al cofinanziamento garantito dal governo nell’ambito di progetti per la mobilità sostenibile tra casa e scuola e tra casa e lavoro. Palazzo dei Priori ha presentato un pacchetto che vale in tutto due milioni di euro, metà dei quali sarebbero garantiti dal Ministero dell’ambiente. Due le zone della città, chiamate «siti pilota», selezionate per il progetto: per gli spostamenti casa-scuola il corridoio che va dai Tre archi a via del Giochetto, lungo il quale si trovano importanti scuole (la Foscolo, Montessori, la Santa Croce e il liceo Galilei); per quelli tra casa e lavoro tutto il tratto che costeggia il torrente Genna, in particolare dal polo di Ingegneria a quello ospedaliero; un asse sul quale viaggiano ogni giorno migliaia di cittadini.

DA SABATO SCATTA ORDINANZA ANTISMOG: I DIVIETI
ZTL, PERUGIA TRA LE CITTÀ PIÙ APERTE: IL CONFRONTO

Gli interventi Partendo dal primo ambito di interventi, l’idea è quella di completare o riqualificare la rete dei percorsi pedonali a servizio delle scuole e l’attivazione di nuovi servizi di accompagnamento pedonale degli studenti fino a scuola (il cosiddetto Piedibus). Per l’adeguamento della rete sono previsti 232 mila euro ed è in questo quadro che con altri 85 mila euro verrebbe montato il varco Ztl per il controllo di corso Bersaglieri. Quanto al secondo ambito, il progetto prevede la realizzazione della ciclabile lungo il Genna tra il Borgonovo e via Dottori, completando così il percorso che va da Ingegneria all’ospedale Santa Maria. Questo tratto di ciclabile è quello previsto dall’Agenda urbana per il quale sono stanziati 410 mila euro.

BIKE SHARING, SOLO 5 UTENTI AL GIORNO. ARRIVANO PIÙ BICI
NUOVA ILLUMINAZIONE INTELLIGENTE PER FONTIVEGGE E CENTRO

Buoni mobilità Altra azione consiste nell’erogazione di quelli che la giunta chiama «buoni mobilità» per incentivare le persone a usare i mezzi pubblici; in sostanza l’idea, che costerebbe 240 mila euro, è quella di ridurre del 50 per cento il prezzo degli abbonamenti ai trasporti tramite una convenzione che coinvolga le aziende del trasporto, il Comune, l’Università e l’Azienda ospedaliera. Ottocentomila euro è invece quanto servirebbe per l’ultima azione prevista, ovvero la concessione di un nuovo servizio di car sharing elettrico comunale; i soldi, metà dei quali sarebbero garantiti dal partner privato che gestirà il servizio, servirebbero per gestire il sistema, acquistare le auto, il software e attrezzare i punti dove sistemare le macchine. Il milione di euro garantito dal Comune in caso il Ministero dia il via libera è così composto: 400 mila euro saranno messi dal partner privato del servizio di car sharing, 410 mila sono quelli dell’Agenda urbana per la pista ciclabile e i restanti 190 mila riguardano spese del personale comunale per attività di progettazione, gestione e così via.

Twitter @DanieleBovi