lunedì 25 marzo - Aggiornato alle 04:38

Perugia, via libera della giunta all’ampliamento del canile di Collestrada

Il canile di Collestrada

La giunta comunale di Perugia ha approvato la variante al Piano regolatore relativa ai lavori di riqualificazione e ampliamento del canile di Collestrada. La variante è arrivata in giunta dopo aver espletato tutto l’iter tecnico e di pubblicazione, segnando così un ulteriore passo avanti nell’avvio del progetto, finalizzato ad una razionalizzazione funzionale della gestione veterinaria del canile stesso.

Ampliamento zona sanitaria Sostanzialmente, gli interventi di adeguamento e riqualificazione della struttura, per un importo complessivo di 350 mila euro, riguarderanno, come da progetto, l’ampliamento della struttura sanitaria con l’aggiunta di nuovi moduli per ospitare gli animali, quindi, la ristrutturazione completa dello spazio oggi adibito a box per le degenze dei cani sottoposti a specifici trattamenti sanitari, con l’aggiunta di nuovi spazi per ambulatori; la riqualificazione dell’edificio principale, dove si trovano, al piano terra, gli ambulatori e la sala operatoria e, al primo piano, gli uffici della Asl 2 Veterinaria, e, infine, la realizzazione di un’apposita area recintata da destinare al passeggio degli animali.

L’iter La variante era stata adottata dal consiglio comunale nel 2014, contestualmente al progetto preliminare dell’opera, per poi avviare il suo iter di pubblicazione – dal quale non erano emerse osservazioni – e quello tecnico, che ha visto i pareri favorevoli dell’Azienda sanitaria locale, dell’Anas, quindi della Provincia e della Regione dell’Umbria (a cui, peraltro, nel frattempo sono state trasferite le competenze provinciali per il governo del territorio e il controllo dei piani regolatori), nonché dei competenti uffici comunali. Adesso la parola passerà al Consiglio comunale per l’approvazione definitiva, nonché ai competenti uffici regionali per una valutazione di incidenza.

Il canile La struttura sanitaria del canile di Collestrada, gestita in convenzione dall’Asl (Servizi sanitari di sanità animale), svolge funzioni di canile di prima accoglienza con ingressi medi annui pari a 650 cani. Qui, gli animali vengono tenuti in osservazione, dopo la cattura, prima di essere trasferiti presso il rifugio di affezione o essere riconsegnati ai legittimi proprietari e, in ogni caso, viene garantita loro la dovuta assistenza sanitaria. Il canile, di proprietà del Comune di Perugia, viene gestito in forma associata dallo stesso Comune di Perugia, in qualità di capogruppo e dai Comuni di Corciano, Marsciano, Deruta, Torgiano e Collazzone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.