Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 6 dicembre - Aggiornato alle 10:54

Perugia, primo intervento in Italia a entrambe le ginocchia simultaneamente: prof Cerulli con il robot

Eseguito dal noto luminare professore Giuliano Cerulli: il paziente testimone è l’ex giocatore della Juventus Sergio Brio

Doppio intervento chirurgico, simultaneamente, a entrambe le ginocchia con la chirurgia robotica: è accaduto per la prima volta in Italia, a Perugia. La nuova tecnologia è stata presentata mercoledì, negli spazi della Casa di cura Villa Fiorita. Si chiama Ras, e sta per tobotic assistant surgery – chirurgia con assistenza robotica, eseguita con il robot Cori, con la quale il professore Giuliano Cerulli, ha effettuato il primo intervento protesico in Italia, contemporaneamente su entrambe le ginocchia, in regime di accreditamento con il sistema sanitario nazionale. All’incontro hanno partecipato, in rappresentanza dell’amministrazione comunale di Perugia, il vicesindaco Gianluca Tuteri, il direttore sanitario di Villa Fiorita, Francesco Pelliccia e Gabriele Abete, intervenuto in rappresentanza di Villa Benedetta Group, proprietario della struttura. Era presente anche l’ex calciatore della Juventus Sergio Brio, che ha raccontato la propria esperienza come paziente che si è sottoposto, a Villa Fiorita, all’intervento chirurgico protesico, ad entrambe le ginocchia.

LA VIDEOINTERVISTA

VIDEO: PARLA L’EX GIOCATORE DELLA JUVENTUS OPERATO, BRIO

Approfondimento Cerulli ha illustrato i vantaggi di questa nuova tecnologia: «La tecnica che abbiamo utilizzato per primi in Italia, permette una notevole riduzione dei tempi e dei costi dell’ospedalizzazione e un rapido recupero della normale attività, anche sportiva». Ha confermato Sergio Brio: «Lo stesso giorno dell’intervento effettuato a Villa Fiorita, nello scorso mese di settembre, ho potuto già camminare con l’aiuto delle stampelle, ed oggi il mio recupero è completo» e con ironia ha aggiunto: «Posso perfino muovermi a Roma con lo scooter!». Cerulli ha voluto anche sottolineare come, una volta stabilita l’indicazione dell’intervento, non siano necessari ulteriori accertamenti diagnostici specialistici: «È il chirurgo sul tavolo operatorio, con l’aiuto del robot, che decide la migliore strategia per ottenere il risultato più efficace». Nel corso della Conferenza Stampa il direttore sanitario, Francesco Pelliccia, ha presentato la rosa dei professionisti che fanno parte della equipe di Villa Fiorita, citando fra i vari: i Elmo Mannarino, specialista in Medicina interna e Antonio Rulli, specialista in Chirurgia senologica. Il responsabile della struttura Gabriele Abete, nel rappresentare l’attività della clinica, ha voluto sottolineare il ruolo di supporto alla sanità pubblica svolto durante la pandemia «in stretta collaborazione con l’azienda ospedaliera assieme alle altre strutture private della regione, per l’abbattimento delle liste d’attesa». A portare il saluto dell’amministrazione comunale è stato Tuteri, il quale ha sottolineato: «Mi congratulo con gli imprenditori della sanità privata che hanno voluto investire nel territorio della regione, aumentando la qualità dei servizi e offrendo nuove opportunità di lavoro. Sono convinto della fondamentale importanza della complementarità della sanità privata con quella pubblica. Questo esempio virtuoso lo conferma. È importante sottolineare che la sanità privata eccelle quando si avvale, come in questo caso, di professionisti illustri come i professori Cerulli, Mannarino e Rulli».

I commenti sono chiusi.