Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 21 ottobre - Aggiornato alle 15:41

Perugia, la Usl scrive a Romizi: «Fermare l’Agri Flor di Villa Pitignano». Attesa ordinanza

Per il dipartimento Prevenzione le modifiche al processo di trattamento dei rifiuti verdi generano «un incontrollato sviluppo di odori sgradevoli»

Andrea Romizi (foto ©Fabrizio Troccoli)

«Interrompere le lavorazioni aziendali di Agri Flor a Villa Pitignano, fatte salve quelle necessarie al ripristino delle corrette condizioni di produzione e a evitare molestie olfattive per la popolazione». Lo scrive il dipartimento Prevenzione della Usl 1 al sindaco Andrea Romizi, chiedendogli di firmare un’ordinanza urgente all’esito dei rilievi dell’Arpa, già sfociati in una diffida all’azienda da parte della Regione. A a cui si sono a più riprese rivolti non soltanto i residenti di Villa Pitignano, attraverso il Comitato, ma anche quelli di Ponte Felcino, Bosco e Ramazzano. La notizia è riportata da alcuni giornali.

«Fermare l’Agri Flor di Villa Pitignano» Nel documento, la Usl 1 rileva come «le inosservanze della ditta rilevate da Arpa sono andate a modificare il corretto processo di trattamento dei rifiuti contribuendo così anche a un incontrollato e variabile sviluppo di odori sgradevoli. Tali molestie olfattive, peraltro rilevate anche durante alcuni controlli effettuati dal Dipartimento di prevenzione anche in seguito a reteirate segnalazioni da parte dei cittadini residenti nelle aree vicine all’insediamento in questione». Al sindaco, ma anche all’Arpa e alla Regione, «la salute è intesa non solo come semplice assenza di malattia, ma come completo stato di benessere psicofisico delle persone e quindi da tutelare nell’interezza delle sue componenti». Nella missiva si legge anche «i fenomeni descritti vengono a configurare, in definitiva, un vulnus alla garanzia di tutela della salute collettiva che richiede misure corretti e di prevenzione».

I commenti sono chiusi.