Quantcast
mercoledì 8 dicembre - Aggiornato alle 16:33

Perugia, il grido della Stranieri: «Basta furti e aggressioni ai danni dei nostri studenti»

L'Università per stranieri (foto F.Troccoli)

Il grido di dolore arriva dal direttore generale dell’Università per stranieri Cristiano Nicoletti: «Solo nell’ultima settimana ben sette appartamenti presi in locazione dagli studenti cinesi sono stati oggetto di furti e tre studentesse sono state aggredite e derubate all’ingresso della propria abitazione». Una situazione diventata insostenibile, tanto che Nicoletti ha deciso di scrivere alla presidente della Regione Catiuscia Marini, al sindaco Romizi, al prefetto di Perugia, al questore e al comandante dei carabinieri per «attirare la loro attenzione» e «segnalare i gravissimi fatti che hanno coinvolto negli ultimi giorni» gli studenti dell’ateneo.

Vittime inermi «I nostri studenti – sottolinea ancora – risultano essere obiettivo mirato e vittime inermi di episodi di criminalità che continuano a susseguirsi a distanza di poche ore l’uno dall’altro». «Tale situazione – osserva ancora – risulta insostenibile per l’immagine della nostra università che, a causa della diffusa microcriminalità in città, si trova nella spiacevole situazione di dover far fronte a emergenze non riscontrabili in altre realtà universitarie italiane».

Ambasciatrice si cultura L’Università per Stranieri – si legge ancora – da quasi un secolo è ambasciatrice di cultura e dell’italianità nel mondo e ha portato prestigio alla città e alla regione ospitando studenti provenienti da oltre cento Paesi nel mondo». A partire dall’8 gennaio scorso ha accolto circa 630 studenti cinesi che aderiscono ai programmi di cooperazione interuniversitaria internazionale denominati «Marco Polo» e «Turandot»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.