sabato 23 settembre - Aggiornato alle 14:51

Perugia, due nuove telecamere al parco del Bellocchio: «Altro passo per sicurezza in zona»

Il sindaco Romizi inaugura l’impianto realizzato da Comune e Rotary: «Presto altre iniziative a Fontivegge»

Impianto di videosorveglianza

Due nuove telecamere per la videosorveglianza installate nel parco del Bellocchio. Venerdì pomeriggio il sindaco Andrea Romizi ha inaugurato l’iniziativa che rientra nel progetto “Parchi sicuri”, resa possibile grazie ai fondi raccolti in occasione della cena promossa dal Comune di Perugia e organizzata dal Rotary Club Perugia Trasimeno.

Presto altre iniziative Le due telecamere vanno ad aggiungersi al sistema di videosorveglianza comunale già esistente nell’area.  Romizi ha sottolineato che «oggi si è compiuto un altro piccolo, ma deciso passo in avanti verso il definitivo recupero dell’area. A breve sono previste altre iniziative importanti: tra queste l’apertura di alcune sedi che verranno assegnate ad associazioni, in modo da rendere sempre più vissuto il quartiere. L’impegno finanziario che il Comune di Perugia si è assunto per l’area di Bellocchio-Fontivegge è importante – ha ribadito il sindaco – visto che qui abbiamo deciso di impiegare risorse per circa 30 milioni di euro, ritenendo che questa sia una zona che ha bisogno di essere riqualificata in modo prioritario essendo strategica nel panorama cittadino. L’impegno del soggetto pubblico – ha aggiunto Romizi – nel caso di specie è valorizzato dalle attività e dall’interesse che i singoli cittadini, ma anche associazioni, come il Rotary, stanno dimostrando collaborando a stretto contatto con l’Amministrazione».

Primo passo Al fine di informare la cittadinanza della presenza delle telecamere, a breve verranno installati dei cartelli con l’obiettivo di fare da deterrente per le attività illecite. Il presidente del Club Rotary Perugia Trasimeno ha confermato che «quello compiuto oggi è solo un primo passo nell’opera di riqualificazione dell’area. Il progetto complessivo sarà possibile solamente ove si riuscirà a creare, come in questo caso, una stretta sinergia tra associazioni, cittadini ed Istituzioni, perché ciò è garanzia di concretezza e rapidità d’intervento».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.