martedì 24 ottobre - Aggiornato alle 11:45

Perugia, cinque utenti al giorno per il bike sharing. Con Agenda urbana 10 nuove stazioni e altre 60 bici

Investimento da 350 mila euro entro il 2018 nell’ambito di «Perugia.zip». Potenziamento in special modo nel centro storico

bike sharing perugia
Le bici del Comune

di Daniele Bovi

Sono in media 150, cioè cinque al giorno, i cittadini che decidono di utilizzare una delle trenta biciclette a pedalata assistita a disposizione a Perugia. Il numero, decisamente basso, è contenuto nel progetto dell’Agenda urbana «Perugia.zip», ovvero il piano di investimenti da 11,6 milioni di euro finanziato un terzo con fondi europei, un terzo con quelli del governo e un terzo con quelli della Regione (1,6 milioni di euro è il cofinanziamento del Comune), che riguarda l’area di Fontivegge e del centro storico. Ed è proprio con lo scopo di incrementare il numero di utenti del bike sharing e favorire una modalità di trasporto più ‘verde’ che vengono previsti 350 mila euro per il potenziamento di questo servizio. Attualmente le stazioni sono sette e sono a Ingegneria, Percorso Verde, piazzale Umbria Jazz, Centova-Borgonovo, Capitini, Ospedale di Perugia e piazza Italia.

LA NUOVA ILLUMINAZIONE INTELLIGENTE PER FONTIVEGGE E CENTRO
SERVIZI INNOVATIVI: PATTO TRA COMUNE CISCO

Il progetto Quest’ultima dunque è l’unica in centro storico, area dove il piano prevede un potenziamento. In complesso le nuove stazioni saranno dieci e le biciclette aggiuntive, tradizionali e non a pedalata assistita, 60. Le nuove rastrelliere saranno sistemate a piazzale Bellucci (stazione di Sant’Anna), piazza Partigiani nell’area dei terminal bus, piazza Matteotti, Dipartimento di Agraria a San Pietro, via Pascoli-San Francesco al prato, piazza Morlacchi, piazza Fortebraccio, piazza di Monteluce, ospedale Santa Maria della misericordia e stazione Fontivegge. Il piano inoltre prevede l’adeguamento delle stazioni esistenti affinché possano gestire indifferentemente biciclette a pedalata assistita e tradizionali, riconoscendole automaticamente, nonché l’introduzione di strumenti come app e portale web per l’accesso immediato al servizio con una carta di credito, superando così le barriere attualmente presenti per l’iscrizione.

COS’È PERUGIA.ZIP: IL PROGETTO
FOTO: IL NUOVO TERMINAL DI FONTIVEGGE E LA PIAZZA

I numeri Per quanto riguarda la sostenibilità economica, attualmente c’è una concessione di servizi che si autofinanzia con la pubblicità, e lo stesso schema varrà per le nuove bici. Introiti derivanti da abbonamenti e pubblicità che ovviamente servono solo per la gestione e la manutenzione. Per l’area del centro in particolare le bici sono pensate come «ultimo miglio del trasporto pubblico» partendo da alcuni nodi come Sant’Anna, dove sono stati rilevati nella fascia oraria dalle 6 alle 11 600 passeggeri e a piazza Partigiani 1.800; negli auspici, potenziali utenti del sistema. Il monitoraggio condotto dal Dipartimento di Ingegneria ha messo poi in mostra che l’attuale configurazione, fortemente incentrata sulla presenza attorno al percorso verde, ha un utilizzo medio di carattere ludico o comunque connesso all’attività fisica, e fortemente correlato alle giornate con condizioni atmosferiche favorevoli. Con le nuove stazioni dunque il tentativo è favorire un utilizzo da parte di coloro che si spostano per motivi di lavoro o di studio. Il cronoprogramma parla di lavori per 120 mila euro nel 2017 e 230 mila l’anno seguente.

Twitter @DanieleBovi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *