Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 24 maggio - Aggiornato alle 18:24

Perugia, aumento del 60% delle multe per eccesso di velocità. Altri 20 agenti per la municipale

Giovedì si sono tenute le celebrazioni in occasione di San Sebastiano. Il resoconto delle attività

La comandante Nicoletta Caponi

di Dan.Bo.

Dopo l’ovvio crollo del 2020 – anno segnato dal lockdown – nel 2021 a Perugia è stato registrato un numero di violazioni al codice della strada superiore a quello del 2019. Il dato emerge dal resoconto delle attività svolte dalla polizia municipale nel 2021, illustrato giovedì in occasione della festa di San Sebastiano, patrono del Corpo. In tutto si parla di 63.931 violazioni contro le 60 mila del 2019 e le 46 mila dell’anno seguente; un dato significativo dato che le restrizioni hanno caratterizzato anche l’inizio del 2021.

LE FOTO DELLA CERIMONIA

I numeri Il blocco più corposo delle multe (41.475) riguarda quelle fatte all’ingresso della Ztl e strisce blu. Subito dietro ci sono i 6.779 verbali per eccesso di velocità, in netta crescita non solo rispetto al 2020 (4.300) ma anche rispetto al 2019, quando sono state quattromila. Ancora sotto i livelli del 2019 invece le multe per divieto di sosta, passate dalle 4.275 del 2019 alle 5.644 del 2021, mentre nel 2019 sono state; 568 i mezzi rimossi, in calo rispetto al 2019 (737). In diminuzione anche le contravvenzioni a carico di chi è passato con il semaforo rosso: 4.250 contro le oltre 6.478 di due anni fa.

Le multe Segno meno anche per le mancate revisioni (dalle 471 del 2019 alle 236 del 2021) e per quelle a carico di chi è stato trovato alla guida sotto l’effetto di alcol (62) o di droghe (10). Per quanto riguarda invece gli incidenti, sono ovviamente cresciuti rispetto al 2020 (da 802 a 954, 8 dei quali mortali) ma rimangono sotto i livelli del 2019 (1.100). La causa principale rimane la velocità (299 casi) e nel 65 per cento dei casi gli incidenti non hanno provocato feriti, che sono stati invece 313. Il mese più critico è stato dicembre con 115 incidenti, il giorno lunedì con 157 casi, l’orario quello delle 18 con 82 episodi.

Fontivegge Per la prima volta poi sono stati diffusi i numeri a proposito dell’attività svolta dal nucleo decoro urbano di Fontivegge: 63 veicoli controllati, 42 multe con 8 tra fermi e sequestri, 123 persone identificate con 19 perquisizioni, 9 controlli negli immobili (3 quelli occupati abusivamente), 8 espulsioni, 12 notizie di reato e diversi tipi di droghe recuperate. Quanto ai controlli antiprostituzione sono stati 32, che hanno portato all’identificazione di 55 persone e a 8 multe.

Più agenti Alcuni dei numeri in crescita vanno collegati anche al fatto che la municipale ha potuto contare nel 2021 su più agenti. Ai 14 entrati in servizio a nel 2021 se ne aggiungeranno, da qui al 2024, altri 20 secondo quanto assicurato dall’assessore alla Sicurezza Luca Merli durante le celebrazioni. Al momento gli agenti sono 128 contro i 114 del 2020 e a loro Merli ha promesso anche l’acquisto di nuovi mezzi, attrezzature e dotazioni innovative e il trasferimento della sede del comando. «Sarà nostro compito – ha detto – accompagnarvi nel proseguire la sfida evolutiva del vostro lavoro che parte dal vostro nome, dapprima vigili urbani, poi polizia municipale, ora polizia locale. Dobbiamo, insieme, continuare a disegnare un cammino che sappia conciliare tradizione e innovazione».

Anno pieno di ostacoli Il 2021 così come quello precedente è stato un anno complesso anche a causa della pandemia, che ha segnato l’attività del Corpo. Nel suo intervento la comandante Nicoletta Caponi ha parlato della paura e dell’incertezza che «accompagnano ormai la popolazione da due anni», anche in un 2021 nel corso del quale «abbiamo dovuto affrontare una sorta di percorso a ostacoli per cercare di contenere il diffondersi dell’epidemia e contestualmente permettere ai cittadini di svolgere le proprie attività di lavoro e di svago». Un lavoro «estremamente difficile soprattutto in presenza di limitate risorse economiche e di forti limiti giuridici che non facilitano l’attività del Corpo».

Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.