Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 28 settembre - Aggiornato alle 15:02

Per Gambero Rosso il migliore street food dell’Umbria si mangia alla Prosciutteria di Spoleto

Gastronomia selezionata e fiumi di birre artigianali, Giulio e Alessio incassano il riconoscimento e rilanciano dopo sisma e Covid: «Apriamo il secondo locale»

Giulio e Alessio della Prosciutteria del Corso di Spoleto

di Chia.Fa.

Per il Gambero Rosso il miglior street food dell’Umbria si mangia alla Prosciutteria del Corso nel cuore del centro storico di Spoleto. È un riconoscimento regionale «inaspettato e incoraggiante» quello che la Guida, con oltre 600 indirizzi, regione per regione, ha riservato a Giulio Bompadre, 34 anni, e Alessio Bini, 32 anni, che nel 2015 hanno deciso di imbarcarsi nell’avventura seguendo due stelle polari: gastronomia di altissima qualità e birre artigianali a non finire.

Prosciutteria del Corso di Spoleto Dietro al bancone un paio di prosciutti stagionati «di norma – spiegano – per almeno 26 mesi, anche se con lo stop imposto dalle restrizioni anti Covid sono tutti saliti fino a 32», ma spesso il padrone di casa diventa il cicotto, che è un presidio slow food, mentre la corona è della porchetta. Nel menù numerose focacce farcite di prelibatezze: gli esperti del Gambero rosso ne consigliano tre (foto), ma se ne contano più di 20, gran parte delle quali arricchite da cicoria, peperoni e cipolle arrosto, bufale Dop e molto altro. «Selezioniamo prodotti di grande qualità e questo vale per il food come per le birre artigianali» spiega Giulio a Umbria24, aggiungendo: «Tra frigoriferi e spine abbiamo in media la disponibilità di un centinaio di etichette prodotte da circa 15 birrifici, comprese le birre acide che hanno una fermentazione particolare, ma per scelta non abbiamo mai voluto introdurre una carta delle birre, preferendo la dinamicità di collaboratori formati a illustrarle».

Per Gambero Rosso migliore street food dell’Umbria Il riconoscimento regionale del Gambero Rosso, che ha eletto la Prosciutteria del Corso campione regionale di street food, è stata per Giulio e Alessio «una gioia totalmente inaspettata» arrivata dopo sei anni di attività passati sulle montagne russe di due emergenze, prima nel 2016 il terremoto e ora la pandemia. In nessun caso i due trentenni si sono fermati, anche se non nascondono che «per certi versi è ancora difficile dire “siamo ripartiti”, perché il turismo non è al top e di conseguenza la stagione non è facile; certo lavoriamo, ma l’aria è inevitabilmente ancora pesante».

Giulio e Alessio rilancio: «Apriamo il secondo locale» Eppure rilanciano con il secondo locale, Laboratorio gastronomico, che apriranno in viale Marconi, sempre a Spoleto: «È un progetto che ci trasciniamo da tre anni e mezzo e con cui, speriamo davvero a breve, riusciremo ad ampliare il menù della Prosciutteria con focacce più complesse che negli spazi di corso Mazzini non riusciamo a proporre, ma restiamo anche in centro storico». Dove per Gambero Rosso si mangia il miglior street food dell’Umbria.

@chilodice

I commenti sono chiusi.