mercoledì 17 luglio - Aggiornato alle 06:34

Norcia, posata la prima pietra del monastero: c’è anche la Marini

Iniziativa nel giorno di San Benedetto per il cantiere in collina dove sorgerà la nuova casa di padre Nivakoff e gli altri

La Marini a Norcia per la posa della prima pietra

di C.F.

Nel giorno della festa di San Benedetto viene simbolicamente posata la prima pietra del nuovo monastero benedettino, i cui lavori di costruzione nell’area collinare sono già iniziati da tempo. A partecipare alla cerimonia anche l’ex governatrice Catiuscia Marini, che ha lasciato la guida della Regione dopo lo scandalo Concorsopoli in cui è indagata. In base a quanto sono stati i monaci, guidati dal priore padre Benedetto Nivakoff, a chiederle di tornare a Norcia il giorno della festa di San Benedetto.

La posa della prima pietra è stata appunto simbolica dato che i lavori di costruzione del nuovo stabile a San Benedetto al Monte sono iniziati, anche se il percorso è ancora lungo, tanto che l’obiettivo è consegnarla in tre anni. Nell’area in cui si sta realizzando il nuovo monastero, dopo che quello del centro storico è crollato a seguito del sisma del 2016, c’è anche una chiesa che sarà recuperata nel giro di un anno. La pietra è stata sistemata in un muro di contenimento e sulla quale è stata incisa la frase Nova facio omnia (Faccio nuova ogni cosa), tratta dal libro dell’Apocalisse, custodirà per sempre anche la lettera del priore in cui si ricorda questo giorno “unico”. Oltre alla Marini, anche Alemanno ha partecipato alla cerimonia, parlando di un «momento storico per Norcia e per l’intera Umbria. La costruzione del nuovo monastero – ha aggiunto – cementa ancora di più il legame tra la città e i suoi monaci e pone questo territorio al centro dell’Europa, di cui il nostro santo è patrono».

@chilodice

I commenti sono chiusi.