martedì 21 novembre - Aggiornato alle 03:45

Norcia, pagati a tutti i terremotati i contributi 2016. Addio al prof Urso

Impegno a versare per la seconda metà di giugno la maxi rata da quattro mesi a 1.300 beneficiari, poi liquidazioni bimestrali

Via a nuova tranche di pagamenti per il contributo dell’autonoma sistemazione. Tra giovedì e venerdì il Comune di Norcia liquiderà le somme spettanti alle famiglie terremotate che, dopo l’inagibilità della propria abitazione, hanno scelto di non gravare sulla rete di Protezione civile, trovando in autonomia un tetto temporaneo.

Pagati ai terremotati i contributi del 2016 Il dodicesimo e il tredicesimo elenco dei beneficiari sono stati pubblicati all’albo pretorio e i versamenti relativi sono stati effettuati nelle ultime ore, archiviando la pesante pratica del 2016. La prossima scadenza da rispettare per il municipio di Norcia è quella della maxi rata del 2017. L’ente, infatti, ha scelto di liquidare in un’unica soluzione il contributo per i quattro mesi dell’anno dopodiché, regolarizzati i pagamenti, si procederà con cadenza bimestrale. In particolare sono circa 1.300 le famiglie terremotate di Norcia a cui tra il 15 e il 30 giugno verranno versate le somme.

Addio al prof Urso In queste ore, però, la città di San Benedetto sta anche piangendo la morte del prof Giuseppe Urso insegnante e preside della scuola media di Norcia, da dove ha formato diverse generazioni di giovani, accompagnandoli nel percorso scolastico. In una nota l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Nicola Alemanno, oltre a esprimere «profondo cordoglio per la scomparsa», lo ricorda come «una persona distinta e stimata, di elevato spessore morale e culturale. Le sue battaglie per il recupero, la conservazione e il restauro del patrimonio storico, artistico e culturale con ‘Una Mostra e un Restauro’, siano da esempio per le nuove generazioni. E’ dalla nostra storia che in questo momento si deve ripartire per ricostruire il futuro della nostra città».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *