sabato 20 luglio - Aggiornato alle 18:04

Norcia capitale europea della solidarietà: dalla Svezia alla Turchia tornano i giovani volontari

Dagli eventi alle attività per bimbi e disabili, ecco i venti della seconda missione nel borgo terremotato

Collaborano con la Pro Loco di Norcia per la gestione degli eventi dell’Estate Nursina, ma anche col centro estivo comunale ‘Il Monello’, coi centri disabili e coi monaci benedettini. Sono le attività dei venti giovani dei Corpi di solidarietà europei arrivati a Norcia da Danimarca, Croazia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Polonia, Spagna, Svezia e Turchia.

Dalla Svezia alla Turchia tornano i giovani volontari A coordinare i progetti per conto del Comune di Norcia e l’associazione Kora, guidata da Joe Moller Short, che venerdì mattina ha ricordato come «Norcia lo scorso anno è stata la base del primo progetto del Corpo di Solidiarietà: è stato un onore sia per la città che per noi. Quest’anno ci sono stati evidenti progressi nella nostra collaborazione per migliorare e raggiungere gli obiettivi. Dal 1 ottobre – prosegue – partirà il programma ufficiale del corpo di solidarietà europea ed entro il 2020 obiettivo far si che circa un centinaio di giovani siano a Norcia, magari riuscendo ad avere almeno un volontario proveniente da ogni Paese. L’ Europa non dimentica e ci guarda – conclude – siamo in constante contatto con Bruxeless che è attenta sulle nostre attività».

Prospettive Al suo fianco il sindaco Nicola Alemanno che ha detto di provare «una grande gioia» per la presenza dei venti giovani provenienti dai dieci paesi: «Il vostro entusiasmo dimostra che avete il cuore grande di chi  si mette a disposizione di comunità bisognose e nella vostra missione riponiamo moltissime aspettative, tra le quali far sì che questa esperienza sia da esempio per migliaia di altri giovani che sceglieranno di aderire a Corpo di solidarietà europeo. Dalla nostra città, patria di san Benedetto patrono principale d’Europa, può partire un segnale di unità e speranza verso cui il Continente può guardare con fiducia».

Norcia capitale europea della solidarietà Intanto dal 16 agosto sono partiti laboratori lingua, sia in inglese che spagnolo, e ogni venerdì alle 18 vengono proposti dibattiti su tematiche europee. Il gruppo di volontari resterà a Norcia fino al 21 settembre e tra le varie iniziative proposte c’è anche un infopoint da allestire per far conoscere le occasioni che l’Europa offre ai giovani col programma Erasmus+ e l’iniziativa ambientale Ripuliamo la città: «Siamo orgogliosi – ha detto l’assessore Giuseppina Perla – di aver confermato questo progetto, che rappresenta un passo importante verso il percorso di Norcia capitale della solidarietà europea». E l’Europa sarà protagonista anche il 14 settembre quando a Norcia è in programma ‘Animus Loci’, un itinerario che vivrà di un momento istituzionale e un incontro interattivo con i cittadini, attraverso luoghi italiani con forte valenza europea che si svilupperà in sette tappe tra le quali Norcia.

I commenti sono chiusi.