sabato 20 luglio - Aggiornato alle 18:41

«Narni è il centro geografico d’Italia», ricerca convince la giunta: segnaletica e progetto europeo

«Il centro geografico dell’Italia è Narni, esattamente a due passi dal ponte Cardona». Ad affermarlo un appassionato perugino di storia geografia, Giuseppe Angeletti, che in collaborazione con l’Istituto geografico militare di Firenze ha eseguito una serie di verifiche e studi per individuare l’esatta ubicazione del centro d’Italia, con buona pace di Foligno che da secoli per tradizione si fregia di essere il centro del mondo.

Narni centro geografico d’Italia La conferma matematica è stata portata all’attenzione della giunta di Narni da Valentino Filippi, un giovane narnese, che ha quindi messo sul tavolo di sindaco e assessori l’ipotesi di trasformare la centralità in un’occasione di sviluppo. E la proposta ha fatto breccia. Tant’è che in una nota del Comune si legge che la giunta ha stabilito di rilanciare l’immagine di Narni come centro geografico d’Italia, collocando la segnaletica del caso, anche quella mancante per il ponte Cardona, affinché l’area possa diventare meta di passeggiate naturalistiche ed archeologiche, utili alla valorizzazione del già famoso acquedotto romano della “Formina”.

Porgetti europei al vaglio Non solo. Per l’assessore alla cultura, Gianni Giombolini, l’occasione è buona anche per rilanciare il ponte Cardona e degli altri quattro ponti di età imperiale presenti a Narni, fra cui quello di Augusto ritratto ai più famosi vedutisti del XVIII e XIX, tanto che «è al vaglio – prosegue la nota del municipio – la possibilità di avviare un progetto comunitario che coinvolga le città europee con ponti e acquedotti romani, come Nimes in Provenza, nota per il suo ponte sul fiume Gard e relativo acquedotto romano».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.