mercoledì 8 luglio - Aggiornato alle 15:48

Modelli di sostenibilità, intesa tra Riserva Unesco del Peglia e Dipartimento di Fisica

La firma tra il presidente Francesco Paola e il direttore Daniele Fioretto. Tra gli obiettivi favorire sistemi di resilienza climatica

Monte Peglia (foto Elena Rellini)

Con la finalità specialmente essenziale nell’attuale fase di ideare e diffondere modelli nuovi di prevenzione nei settori delle crisi e delle emergenze climatiche e di favorire sistemi di resilienza ad ogni livello, il presidente della Riserva della biosfera Unesco del Monte Peglia, Francesco Paola, e il direttore del Dipartimento di Fisica e Geologia dell’Università degli Studi Perugia, Daniele Fioretto hanno sottoscritto un protocollo di intesa.

Modelli di sostenibilità «Ci proponiamo di ideare e realizzare modelli di sostenibilità nei settori delle energie sostenibili, dello sviluppo regionale, dell’economia del ricircolo e insomma di culture di prevenzione sui temi della resilienza delle crisi e mutazioni climatiche e varie ricadute di esse in primis quello sulla salute umana temi sui quali opererà il Centro studi strategici della Riserva mondiale – dichiara il presidente Paola -. Siamo in prima linea e portiamo i nostri contributi all’Italia tutta e siamo tutti parte della Comunità Mondiale, ed è bello e simbolico che questo nostro protocollo possa essere annunciato oggi, 22 aprile 2020, in cui si celebra in tutto il mondo la Giornata della Terra».

Startup di resilienza climatica Il Protocollo pone in evidenza inoltre la comune volontà di istituire comunità di sostenitori della Riserva che fungano anche da contenitori di imprese in startup sui temi della resilienza climatica in accordo con le “Action Portfolios” identificate dalle Nazioni Unite quali strategie di prevenzione sulle crisi ed emergenze climatiche.

I commenti sono chiusi.