Quantcast
martedì 7 dicembre - Aggiornato alle 16:18

Minimetrò, durante Umbria Jazz seimila passeggeri in meno rispetto all’anno scorso

L’azienda fa il punto dopo il festival: dal 7 al 16 luglio 115 mila validazioni, ma c’è stato un incremento nell’ultimo weekend

Una carrozza del Minimetrò

Meno spettatori per i concerti e pure meno persone che hanno scelto di viaggiare con il Minimetrò durante Umbria Jazz. Nella giornata di lunedì l’azienda ha comunicato i dati che riguardano gli accessi durante i dieci giorni di festival che parlano di 115 mila validazioni contro le 121 mila dell’edizione 2016, con un calo dunque di circa il 5 per cento. Numeri positivi invece per il secondo fine settimana, nel corso del quale è stato registrato un lieve aumento pari al 2 per cento: «In particolare – spiega l’azienda in una nota – il giorno in cui si è registrata la massima affluenza durante l’orario notturno (dalle 21 alle 2), è stato sabato 15 luglio in occasione del quale sono state registrate complessivamente circa 7.300 validazioni». Dal 3 giugno è partita la sperimentazione, voluta dal Comune, in base alla quale ogni sabato, fino al 29 luglio, i vagoni viaggeranno fino alle 2 di notte. Con i numeri sotto gli occhi e tirata una riga, Palazzo dei Priori deciderà poi se e come continuare l’iniziativa. Durante le prime due settimane di agosto invece, come di consueto, il Minimetrò rimarrà chiuso per la manutenzione annuale programmata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.