domenica 22 settembre - Aggiornato alle 14:11

Minimetrò, numero di passeggeri in lieve crescita: 8 mila al giorno salgono sulle carrozze

Il bilancio 2018: 2,8 milioni di validazioni, incremento del 4%. Utile più che dimezzato senza i soldi del biglietto unico

Una carrozza del Minimetrò (©Fabrizio Troccoli)

di Daniele Bovi

Numero di passeggeri sostanzialmente stabile e un utile più che dimezzato rispetto al 2017. In estrema sintesi è questa la fotografia del bilancio 2018 della Minimetrò spa, che sarà approvato il 30 maggio dall’assemblea dei soci. L’ultimo anno si è chiuso con un utile di esercizio, giudicato soddisfacente dall’amministratore unico, pari a 75.135 euro, in netta discesa rispetto ai 161 mila euro del 2017. Il motivo sta nel fatto che nel 2018 non c’è stato il riconoscimento del «riallineamento tariffario UP», cioè quello relativo al biglietto unico, che per l’anno precedente valeva oltre 490 mila euro. Il meccanismo è semplice: secondo l’accordo che riguarda l’Up (l’Unico Perugia), l’eventuale minor introito che tutti i vettori coinvolti conseguono rispetto a quanto previsto viene integrato con una quota; e la mancanza di questa cifra si è fatta sentire già altre volte nei bilanci della società.

NEI WEEKEND APERTURA FINO A TARDA NOTTE

I numeri Per quanto riguarda i passeggeri, la media nel 2018 è stata di poco più di 8 mila al giorno. Le validazioni infatti sono state 2,828 milioni, con un incremento del 4% rispetto all’anno precedente; insomma, al di là dei lievissimi scostamenti che ci sono di anno in anno, il numero di persone che ogni giorno salgono su una delle carrozze d’argento non cresce, e questo è il principale obiettivo che la società si è posto per il futuro. I ricavi della biglietteria sono passati da 2,167 a 2,329 milioni di euro mentre in totale ascensore e scale mobili hanno trasportato 3 milioni di persone. Ridotto, nel corso del 2018, il costo del personale (-142 mila euro) grazie in particolare a una riorganizzazione che ha portato alla soppressione dei ruoli dirigenziali e a una revisione delle aree amministrative e tecniche.

Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.