venerdì 19 aprile - Aggiornato alle 16:28

Madonna Alta, tutto pronto per l’apertura del nuovo tratto fra via Tuzi e via Baracca

Chiude la vecchia rampa: il nuovo assetto della circolazione. Frana di Casaglia, Pd: «Dov’è finito il mezzo milione?»

Il nuovo assetto

di Dan.Bo.

Tutto pronto a Perugia per l’entrata in funzione del nuovo tracciato tra via Tuzi e via Baracca, nella zona di Madonna Alta. Il Comune venerdì ha emesso un’ordinanza con cui si disegna il nuovo assetto della circolazione che prevede, in sostanza, la chiusura della vecchia rampa e l’apertura del nuovo percorso di raccordo, collegato all’allargamento di via Tuzi. I lavori però non riguardano solo questo delicato snodo del traffico cittadino; tra via Settevalli e via Tuzi infatti, incrocio teatro di numerosi incidenti, è in costruzione la nuova rotatoria e il cantiere dovrebbe chiudersi entro il 20 aprile. In cima a via Baracca poi tra pochi giorni inizierà la costruzione della nuova rotonda di fronte alla sede di Unicredit, con termine dei lavori previsto nei primi giorni di maggio. A completare il nuovo assetto viario di Madonna Alta la ridefinizione, nei prossimi mesi, dell’incrocio tra via Settevalli e via Martiri dei Lager.

La frana Di viabilità venerdì parla anche il Pd che ha presentato un’interrogazione sulla frana di Casaglia a causa della quale, da sabato, la strada è chiusa (i lavori dovrebbero terminare nel giro di qualche giorno). «Quello che è accaduto – scrivono i dem – ha messo di nuovo in evidenza la fragilità di un territorio abbandonato a se stesso, privo di interventi di manutenzione e che, come naturale conseguenza, apporta ad ogni evento atmosferico diverso dall’usuale, gravi e prolungati problemi alla viabilità». Il Pd ricorda che la passata amministrazione aveva stanziato mezzo milione per un intervento strutturato, «ma la giunta Romizi ha tagliato queste risorse abbandonando questo territorio al degrado e all’incuria». I dem chiedono dunque al sindaco di «intervenire immediatamente chiarendo quali lavori verranno effettuati, quali le prospettive e le scelte fatte al fine di ripristinare la viabilità, la messa in sicurezza e la prevenzione di nuovi smottamenti».

Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.