lunedì 18 febbraio - Aggiornato alle 03:05

L’eclissi totale di luna più lunga del secolo. Umbria, i luoghi migliori dove vederla

Venerdì 27 luglio sole, terra e luna saranno perfettamente allineati e quest’ultima sarà oscurata dall’ombra del nostro pianeta

Sarà uno spettacolo davvero straordinario – l’eclissi totale di luna più lunga del secolo – quello che andrà in scena la notte di venerdì 27 luglio. Sole, terra e luna saranno perfettamente allineati e la luna sarà oscurata dall’ombra del nostro pianeta. L’eclissi totale di luna si verifica con una cadenza ciclica (tra il 2018 e il 2019 ne sono previste tre, per la prossima bisognerà attendere il 2021) ma quella del 27 luglio ha due particolarità: sarà visibile dal nostro Paese, isole comprese, e sarà la più lunga del secolo: ben 103 minuti.

Gli orari clou Quel giorno la luna sorgerà poco prima delle 21, già in fase di penombra; la fase di totalità dell’eclissi si verificherà invece tra le 21.30 e le 23.13. Il culmine dell’evento è previsto alle 22.22. Il fenomeno celeste si concluderà con l’uscita del satellite dal cono di penombra terrestre all’1.28. Durante l’eclissi la luna diventerà rossastra: il fenomeno è dovuto alla rifrazione dei raggi solari che attraversano l’atmosfera terrestre. Ma non finiranno le sorprese perché gli astronomi ci segnalano che la serata sarà ancor più suggestiva grazie alla presenza in cielo di quattro pianeti visibili a occhio nudo: Venere, Giove, Saturno e Marte. I primi tre saranno visibili sin dal crepuscolo, rispettivamente tra le stelle del Leone, della Bilancia e del Sagittario. Per Marte bisognerà invece attendere le 21: sorgerà insieme alle stelle del Capricorno, poco al di sotto della Luna in eclissi. In particolare il Pianeta rosso si troverà in opposizione e ‘vicino’ alla Terra (57,6 milioni di chilometri), una situazione favorevole all’osservazione. Nuvole permettendo.

Sant’Erasmo a Terni In attesa dell’eclissi totale di Luna, l’Osservatorio di Sant’Erasmo apre le porte. «Vista l’alta affluenza prevista per il 27 – scrivono gli organizzatori – diamo la possibilità a chi vuole di visitare la nostra struttura anticipatamente. Gli obiettivi dell’osservazione saranno gli stessi: Venere, Marte, Giove, Saturno, stelle doppie e ammassi stellari. Il 27 poi l’eclissi di Luna potrà essere osservata solo grazie ai telescopi posizionati nella zona adiacente all’Osservatorio».

Precauzioni Sono proprio le nuvole, infatti, a rappresentare l’incognita più preoccupante per gli appassionati. In ogni modo il fenomeno può essere visualizzato senza problemi a occhio nudo anche se sarebbe meglio dotarsi di un cannocchiale. Il consiglio è quello di spostarsi in campagna. Per quanto riguarda le precauzioni non c’è molto da segnalare: la luce della luna è molto meno intensa di quella del sole – si apprende – e quindi non ci sarebbero rischi legati alla vista. In questo caso non serviranno le protezioni utilizzate di solito per le eclissi di sole.

Dove vederla L’eclissi totale di luna si può vedere dalla finestra di casa così come dalla vetta di una montagna, ma in tutta Italia vengono organizzati numerosissimi eventi per permettere una osservazione migliore, in compagnia di astronomi e con l’utilizzo di telescopi. A Perugia, prello Villa Colle del Cardinale Frazione Colle Umberto, dalle 20, un gruppo di astrofili si riunità per l’osservazione. L’associazione astronomica Antares, invece, seguirà l’evento dagli Orti Jacobilli in via Augusto Bolletta 18.

I commenti sono chiusi.