martedì 23 luglio - Aggiornato alle 18:11

Impegno per il pianeta, Perugia c’è: serpentone umano con Greta Thunber

In tanti hanno voluto esserci alla manifestazione che ha chiamato quanti si sentono impegnati sulle tematiche del clima

©️Fabrizio Troccoli

di M.T.

A 16 anni si può avere la potenza di mobilitare 123 nazioni e 2052 città, attorno a un tema che, solitamente, non intercetta sensibilità di massa. Almeno non tutte quelle che dovrebbe. Ma se tocchi le corde giuste e lo fai nel modo giusto poi ecco che le coscienze sembrano risvegliarsi dal torpore e spingere per la partecipazione e l’impegno. Come sta accadendo in tutti i paesi che hanno aderito allo sciopero per il clima, così è accaduto anche a Peugia. Con una sorprendente partecipazione, tenuto conto che un vero serpentone umano ha attraversato le vie del centro storico, venerdì mattina. Sono studenti, proprio come la sedicenne svedese ha desiderato, intere scolaresche che si sono date appuntamento rispondendo al suo appello, attorno al tema del riscaldamento globale e in generale del cambiamento climatico. Questa sedicenne che ha deciso il venerdì di non andare a scuola per scioperare davanti alla sede del Parlamento del suo paese, richiamando l’attenzione della politica e della società civile sull’urgenza della riduzione delle emissioni di anidride carbonica, e in generale del gas serra, piace ai giovani e non soltanto. Tenuto conto che è proposta al premio Nobel per la pace.

IL VIDEO
FOTOGALLERY

Alcuni particolari Cori, striscioni, tanti cartelli colorati, insegnanti, maestri, ragazzini e studenti, ma anche rappresentanze della società civile, del mondo del lavoro e della politica, tutti compostamente in corteo, a Perugia, per questo appuntamento che sarà ricordato come un momento di forte recupero dell’impegno civico in un periodo storico dove l’azione civile sembra disperdersi tra populismi e disinteresse. Non si sono registrati momenti di tensione nel percorso che da piazza Partigiani, ovvero i giardini di Santa Giuliana porta al centro storico e poi fino alle scalette di Sant’Ercolano dove sono attesi gli interventi.

I commenti sono chiusi.