Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 26 novembre - Aggiornato alle 09:52

Guerra in Ucraina, gli «Artigiani di pace» di molte città si riuniranno ad Assisi

L’iniziativa si terrà sabato 26. Lunedì 28  in seimila fra studenti, insegnanti e dirigenti scolastici saranno da Papa Francesco

Un momento della conferenza stampa

di Danilo Nardoni

A nove mesi dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, l’Umbria sarà protagonista di due nuove iniziative contro la guerra. Sabato 26 novembre le Città della pace si riuniranno in assemblea ad Assisi sul tema «Artigiani di pace». Lunedì 28 novembre, invece, mille umbri, da 16 istituti, saranno presenti all’incontro di studenti, insegnanti e dirigenti scolastici di 114 scuole di ogni ordine e grado, provenienti da 19 regioni italiane – 6 mila in tutto – della Rete nazionale delle scuole di pace, con Papa Francesco, per ascoltare una sua “lezione” sulla pace e sulla cura.

La presentazione Le due iniziative sono state presentate, giovedì nella sede della Provincia di Perugia, da Flavio Lotti, direttore del Coordinamento nazionale degli enti locali per la pace e i diritti umani e del Comitato promotore Marcia PerugiAssisi: «Sono due attività – ha spiegato – che hanno casa madre a Perugia visto che 36 anni fa queste iniziative sono state originate proprio dalla Provincia». Gli ha fatto eco, in collegamento telefonico, il presidente Andrea Ferrari: «Saranno due momenti importanti. Uno istituzionale con la prima vera assemblea post Covid per dare vita a un nuovo gruppo di lavoro per stare insieme nei nuovi percorsi di pace. L’altra gamba è altrettanto fondamentale, visto l’incontro con il papa come tappa per un dialogo con il mondo della scuola per far crescere nei ragazzi una vera cultura di pace».

Artigiani di pace L’Assemblea nazionale degli enti locali per la pace e i diritti umani promossa dal Coordinamento, è intitolata «Artigiani di pace». «Cosa possono fare oggi, dal basso, le città per ricostruire la pace? Come possono contrastare la diffusione dell’impoverimento, del malessere e della violenza e promuovere il rispetto della dignità e dei diritti umani di tutti? Decine di amministratori locali provenienti da ogni parte d’Italia cercheranno di rispondere a queste domande», hanno spiegato Ferrari e Lotti. A guidare l’incontro a Roma con papa Francesco sarà Aluisi Tosolini, coordinatore della Rete nazionale delle scuole di pace: «A tutte le scuole – ha detto – chiediamo quaderni pieni di “esercizi di pace”, con percorsi che i ragazzi delle scuole stanno mettendo in pratica per arrivare a questo appuntamento».

I commenti sono chiusi.