Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 19 maggio - Aggiornato alle 07:03

Green pass obbligatorio, in una settimana in Umbria prime dosi aumentate del 25%

Quasi 6.500 somministrazioni contro le 4.900 di quella precedente. L’analisi dei mesi estivi. Iniettate 552 terze dosi

Un centro vaccinale (foto F.Troccoli)

di Daniele Bovi

Dopo oltre un mese di flessione costante nell’ultima settimana in Umbria è tornato a crescere il numero di somministrazioni delle prime dosi; un effetto in parte attribuibile con certezza all’estensione dell’obbligatorietà del Green pass. Tenendo conto che il primo via libera del Consiglio dei ministri è arrivato il 16 settembre, in questa settimana le prime dosi sono state 6.473 contro le 4.927 degli otto giorni precedenti; un incremento di quasi il 25%, significativo al di là dei numeri: in questa fase, infatti, la platea è sempre più ristretta tra diffidenti, scettici e no vax (35 i sanitari sospesi giovedì dall’ospedale di Perugia).

GRAFICI: LE PRIME DOSI IN UMBRIA NEI MESI ESTIVI

I dati dell’estate Come mostra il grafico di Umbria24, che fa il punto sull’andamento delle prime dosi nei tre mesi estivi, dopo il picco di fine giugno (36.687 somministrazioni dal 18 al 26 giugno), il calo è andato avanti fino a metà luglio, con un nuovo picco toccato nei giorni di Ferragosto (27.421); da quel momento, le prime dosi sono andate costantemente diminuendo, fino a toccare un minimo di 4.927 nei giorni dall’8 al 15 settembre. Come nel resto d’Italia dunque anche in Umbria quello che è stato ribattezzato effetto Green pass c’è stato. Le persone vaccinate con la prima dose sono passate a marzo da 31 mila a 103 mila, ad aprile da 105 mila a 213 mila, a maggio da 216 mila a 353 mila e a giugno da 364 mila a 514 mila.

OSPEDALE DI PERUGIA, SOSPESI 35 SANITARI NO VAX

GRAFICI: L’ANDAMENTO DELLA CAMPAGNA VACCINALE IN UMBRIA

La campagna vaccinale Secondo i dati della Regione aggiornati a giovedì, al momento in Umbria la prima dose è stata somministrata a 665.935 umbri, pari all’86% della popolazione vaccinabile (quella dai 12 anni in su), mentre 605.259 (78,1%) hanno completato il ciclo. Complessivamente sono state somministrate 1.250.243 dosi sul 1.387.044 consegnate, mentre le prenotazioni (non più necessarie in Umbria dal 12 settembre) sono 28.661. A fare il punto sulla campagna vaccinale giovedì è anche il Nucleo epidemiologico regionale insieme all’assessore alla Sanità Luca Coletto: «Nelle ultime settimane – spiegano – dopo l’obbligatorietà del Green pass anche per i luoghi di lavoro, in Umbria gli accessi ai punti vaccinali per la somministrazione della prima dose sono aumentati del 34%».

GRAFICI: IL CONTAGIO NELLE SCUOLE UMBRE

IL BOLLETTINO: IN UMBRIA ALTRI TRE DECESSI

Terze dosi Oltre 550 invece sono le terze dosi iniettate, in questa fase, alle persone più vulnerabili: le operazioni, in Umbria come nel resto d’Italia, sono partite dagli ospedali (dai trapiantati ai dializzati fino ai pazienti oncologici) e coinvolgeranno prossimamente ultra 80enni, anziani ricoverati nelle Rsa e operatori sanitari (in quest’ultimo caso a seconda del grado di rischio). «La vaccinazione – scrive Coletto – rimane l’arma principale, associata alle cure, per la lotta alla pandemia. I ricoveri e i decessi registrati negli ultimi mesi infatti, sono sempre riconducibili a soggetti che non hanno ricevuto nessuna dose, oppure si tratta di persone con comorbilità per i quali, come risaputo, la risposta immunitaria al vaccino può risultare insufficiente».

Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.