lunedì 28 settembre - Aggiornato alle 07:40

Forza e dignità nella foto più bella per National Geographic Italia, scattata a Terni

Uccellino controvento resiste impettito a vento e neve, il fotografo David Francescangeli: «Mi sento un po’ come lui»

 

di M. R.

David Francescangeli è il tecnico informatico di Terni che ha scattato la foto più bella per National Geographic Italia. Il ternano, che settimane fa ha espresso la sua gioia attraverso le pagine di Umbria24, si è raccontato a Tv7 nel servizio andato in onda nella notte tra venerdì e sabato su Rai1: «Vivo la giornata regolandomi con l’alba e il tramonto». La passione per la fotografia, talvolta, lo butta giù dal letto prestissimo. Nel bosco più wild del territorio ternano, si è innamorato del gatto selvatico: «È considerato ‘un fantasma’ perché raramente lo si riesce a vedere». Francescangeli ha portato l’operatore video sul luogo dei suoi scatti e davanti alle telecamere subito la sorpresa: tracce di lupo.

La foto più bella per il National geographic Tra la fitta vegetazione ha costruito una vasca dove gli uccellini vanno ad abbeverarsi: cambia l’acqua tre volte a settimana e controlla le fototrappole installate nell’area. David si rifugia nel bosco, tra gli animali alla ricerca di un senso di pace che manca nella routine della quotidianità fin troppo stressante. Lo scatto di una mattina d’inverno, nel giardino di casa, gli è valso il riconoscimento: «Vedevo uccellini trascinati dalla bufera ma quel verdone no, lui resisteva, controvento, in mezzo alla neve. Ho preso due cuscini al volo e, nel gelo, mi sono sdraiato per immortalarlo». Alcuni in quella foto ci vedono la lotta al cambiamento climatico – racconta il giornalista Andrea Luchetta – per altri incarna la resilienza necessaria in questi tempi di bufera. David ci ha visto la dignità e la forza di resistere: «Mi sento un po’ come quel volatile a volte, ma non so se sono forte quanto lui».

I commenti sono chiusi.