martedì 11 dicembre - Aggiornato alle 09:04

First lady Aki Abe alla scoperta dei prodotti della Valnerina: successo per ‘Umbria to Japan’

Emozioni Umbria to Japan ha fatto tappa a Tokyo. Al meeting oltre 120 persone invitate dall’Ambasciata italiana e dalla segreteria della moglie del primo ministro giapponese, Aki Abe, moglie di Shinizo Abe. Al tavolo anche importatori italiani, imprenditori, università nipponiche, tour operator e membri di Alitalia. Grande attenzione dell’ambasciatore italiano in Giappone Domenico Giorgi, e dell’ambasciatrice Rita Mannella che hanno dato grande risalto al progetto umbro.

I prodotti Protagonisti anche i prodotti del territorio amerino e della Valnerina, oltre alla bellezza dei territori. La signora Aki Abe ha ringraziato i promotori dell’iniziativa. Il sindaco di Attigliano Daniele Nicchi ha donato alla moglie del primo ministro giapponese una borsa modello ‘Nerina’dell’azienda Vodivì ispirata al territorio della Valnerina, e al vecchio tascapane dei tartufai. Altro omaggio alla signora Abe è stato fatto dall’azienda Italyhearth che ha regalato lo scrigno della tradizione in ceramica fatta a mano, contenente l’olio manovarietale di rajo denominato ‘Infinito’, che raccoglie i valori e le tradizioni dei nostri territori.

I promotori ‘Emozioni Umbria to Japan’ gode del supporto della Camera di Commercio di Terni, e della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni. Nella prima parte dell’evento a Tokyo ci sono state le presentazioni di rito: i promotori di Emozioni Umbria to Japan con in testa e il coordinatore Maurizio Santini e il sindaco di Attigliano Daniele Nicchi, hanno spiegato in dettaglio tutto il progetto Emozioni Umbria to Japan. Successivamente l’esperto Roberto Mariotti dell’Ibbr Cnr ha fatto il panel test, coinvolgendo 80 persone che lo hanno seguito con entusiasmo. In particolare Mariotti, durante il suo intervento ha effettuato un assaggio degli oli umbri spiegando le diversità e qualità dal punto di vista salutistico, dal punto di vista delle biodiversità e delle frodi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.