Currently set to Index
Currently set to Follow
domenica 3 luglio - Aggiornato alle 22:41

Ex fabbrica d’armi di Terni, prospettive di rilancio: «Incontro positivo a Roma»

Vertice tra delegazione Pd e direttore dell’Agenzia Industrie Difesa, Dem: «Valore strategico e attenzione verso il sito»

La ex fabbrica d'armi

Il futuro e le prospettive di rilancio e valorizzazione del Polo di mantenimento delle armi leggere di Terni è stato il tema dell’incontro svoltosi a Roma nei giorni scorsi tra il direttore generale dell’Agenzia Industrie Difesa, sen. Nicola Latorre e il deputato Pd Walter Verini, il consigliere regionale e portavoce delle minoranze, Fabio Paparelli, il capogruppo Pd al Comune di Terni, Francesco Filipponi. A darne notizia la delegazione Dem in una nota: «Il direttore Latorre ha subito rilevato che il Polo di Terni non rientra tra gli stabilimenti in carico all’Agenzia Industrie Difesa valutando come molto importanti le potenzialità del Polo e si è dichiarato disponibile a supportare in assoluta sintonia con il ministero della Difesa e con i vertici militari, nei limiti delle proprie competenze, un approfondimento serio su come rendere realistiche e reali queste potenzialità. Confermando la disponibilità dei propri uffici a contribuire alla redazione di un piano industriale in grado di realizzare gli obiettivi di sviluppo possibile. A questo proposito sottolineando l’opportunità, d’intesa con le autorità militari responsabili, di una visita allo stabilimento di Terni nei tempi più rapidi».

Prospettive positive «L’impegno preso – hanno commentato i membri della delegazione Pd – va nella direzione auspicata da tutti gli atti presentati e anche approvati in tutte le sedi istituzionali, dal Comune di Terni, alla Regione Umbria, al Parlamento al fine di fronteggiare soprattutto l’emergenza occupazione del Polo. La conferma del valore strategico dello stabilimento di Terni, al cui interno opera personale dotato di competenza specifica e notevole professionalità, ci rende ancor più consapevoli dell’importanza del sito ternano. Le prospettive positive ci esortano a continuare l’impegno di attenzione verso il Polo. Desideriamo infine ringraziare – concludono Verini, Paparelli e Filipponi- le sigle sindacali e le Rsu del Polo, che con tanta passione hanno svolto un ruolo fondamentale di stimolo nei confronti della città e delle sue istituzioni».

I commenti sono chiusi.