Currently set to Index
Currently set to Follow
domenica 5 dicembre - Aggiornato alle 23:00

Ecco l’inverno: arrivano freddo, pioggia e neve in Umbria

Quello che ci aspetta giorno per giorno a partire da oggi. Tirare fuori i giacconi dall’armadio

Un bimbo alla finestra (foto F. Troccoli)

di M.T.

Arriva il freddo, ed è la cosa più normale che sarebbe da attendersi nei prossimi giorni. Tenuto conto che la non normalità è quella che abbiamo registrato fino ad ora, con 10 mesi di pioggia sotto la media e temperature più alte rispetto alla stagione. Arrivano, secondo quello che ci spiegherà nelle prossime righe il meteorologo di Umbriameteo Fabio Pauselli, nell’ordine, pioggia, freddo e neve.

I prossimi giorni Si inizia da oggi – spiega Pauselli -, da giovedì, a partire dal pomeriggio e poi a sera. Ci sarà abbondante pioggia e un susseguirsi di annuvolamenti e rovesci. Fino a lunedì, con brevi intervalli e riprese. Nella giornata di domenica si avvertirà un forte sbalzo delle temperature. La neve arriverà a 1500 metri, lungo l’Appennino. Ma lunedì sarà a 700 metri. Significa che qualche fiocco si potrà avere anche a 600 metri. Quindi sicuramente nelle montagne sopra Gualdo Tadino, ma anche in Valnerina e quindi attorno a Norcia e Cascia ci sarà la neve. Il meteo, in generale, migliorerà da martedì, fino a mercoledì e giovedì.

Le piogge Poi è di nuovo peggioramento tra giovedì e venerdì prossimi, con nuove nevicate. Si è fiduciosi sul recupero di acqua al suolo. Finora, il mese di novembre, ci ha consegnato la metà dell’acqua che avrebbe dovuto. Si conta di recuperare tutta l’altra metà nei prossimi 5 giorni. Ovviamente non si recupera tutta l’acqua perduta nei 10 mesi precedenti in cui siamo stati sotto media – è ancora il ragionamento del meteorologo Pauselli – tuttavia recuperare novembre è meglio che recuperare luglio. A luglio infatti ci sono temporali e forte evaporazione, fattori che non consentono di trattenere grandi quantità d’acqua. Novembre invece è un mese di forti piogge generalmente, c’è poca evaporazione e maggiore penetrazione nel terreno. Mentre le nevicate sull’Appennino, sono importantissime perchè rilasciano lentamente acqua alle falde.

 

 

I commenti sono chiusi.