Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 6 dicembre - Aggiornato alle 10:55

Due maxi alberi di Natale da ottanta abeti, presepe vivente e videomapping: ecco Natale ad Assisi

Capolavori di Giotto proiettati anche sulla basilica di Santa Maria degli Angeli e sul Sacro Tugurio di Rivotorto

Due alberi di Natale ognuno dei quali realizzato con ottanta abeti. Il videomapping che viene estesto anche alla basilica di Santa Maria degli Angeli e al Sacro Tugurio di Rivotorto. E un presepe vivente organizzato in collaborazione col Comune di Greccio (Rieti), piccolo comune dove nel 1223 San Francesco ha fatto il primo presepe della storia. C’è questo e molto altro nel programma degli eventi Natale ad Assisi in programma dall’8 dicembre all’8 gennaio e presentato mercoledì mattina a Palazzo Donini a Perugia dalla presidente Donatella Tesei, dall’assessore comunale Fabrizio Leggio, dal fra Giulio Cesareo che dirige l’ufficio comunicazione della Basilica e da padre Massimo Travascio custode della Porziuncola di Santa Maria degli Angeli ad Assisi.

Natale ad Assisi: si inizia con l’accensione dell’albero «Assisi vive lo spirito del Natale nella sua interezza, con tanti eventi realizzati attraverso la collaborazione del tessuto associativo del territorio e delle comunità religiose» ha detto Leggio, aggiungendo che «la rappresentazione del presepe sarà declinata in tanti i modi, ci saranno attrazioni per famiglie e bambini, momenti culturali e appuntamenti musicali». A dare il via alla manifestazione, promossa dal Comune di Assisi, in collaborazione con enti e associazioni del territorio e con il sostegno della Regione, saranno l’accensione e la benedizione dell’albero e del presepe di San Francesco, previsti l’8 dicembre prossimo, alle 18.30, nella piazza Inferiore della Basilica. «Un momento speciale – ha sottolineato fra Giulio – che vedrà anche la partecipazione di un coro di oltre cento bambini da tutta Italia e sarà l’occasione per chiedere ancora una volta, a Dio e ai potenti della terra, che la pace portata da Gesù diventi realtà per tutti. Perché il Natale è la festa della fraternità e non è completa se tutti non possono goderne».

Video mapping: ecco dove Sempre l’8 dicembre, alle 17, si accenderanno le illuminazioni scenografiche su chiese e monumenti della città, realizzate in collaborazione con Enel, a completamento del progetto avviato tre anni fa. Le suggestive installazioni luminose saranno visibili tutti i giorni fino all’8 gennaio prossimo e, nel dettaglio, illumineranno la chiesa superiore della Basilica di San Francesco; l’abbazia di San Pietro, piazza del Comune, cattedrale di San Rufino, basilica di Santa Chiara e la Rocca Maggiore, oltre alle due novità della basilica di Santa Maria degli Angeli e del Sacro Tugurio di Rivotorto. «Con grande gioia – ha rilanciato padre Travascio – condividiamo gli eventi del Natale ad Assisi, in un clima di grande dialogo e collaborazione tra le famiglie francescane e le istituzioni».

Presepe vivente e diffuso Natale ad Assisi passa anche per la firma di un patto di amicizia con Greccio (Rieti) dove San Francesco, nel 1223, ha fatto il primo presepe della storia. In occasione degli ottocento anni di questo evento speciale, il 23 dicembre e il 3 gennaio prossimi, rispettivamente davanti al sagrato della Basilica di Santa Maria degli Angeli e sulla piazza Inferiore di San Francesco, verrà realizzato un inedito presepe vivente, allestito insieme da associazioni e artigiani della due città. Un modo per rafforzare l’identità di Assisi come ‘città presepe’, da sempre viva con i tradizionali presepi viventi, monumentali e artistici nei borghi del territorio assisano e nei luoghi più caratteristici del centro storico. A tale proposito, particolarmente suggestivo sarà il ‘presepe diffuso’, con statue collocate in prossimità delle chiese interessate dalle installazioni luminose scenografiche. «La Regione – ha sottolineato la presidente Tesei – condivide e supporta progetti così ampi, che vedono obiettivi diversi come quelli della diffusione del messaggio di pace e della condivisione del Natale, ma anche di attrattività della nostra splendida terra».

Due maxi alberi di Natale da ottanta abeti  Natale ad Assisi sarà anche ecosostenibile con ‘alberi di alberi’ luminosi. Sì, perché nelle due piazze principali della città saranno allestiti alberi di Natale composti da 80 abeti ciascuno, che poi verranno piantumati. E poi spazio all’incanto dello spirito natalizio con il Trenino del Natale che poterà alla scoperta di vie, piazze e monumenti della città, i mercatini artigianali e artistici in centro storico e a Santa Maria degli Angeli, la Casa di Babbo Natale, gli zampognari, la musica in filodiffusione. E naturalmente momenti di fede, riflessione e spiritualità, ma anche arte e cultura, con viaggi alla scoperta di beni culturali e delle viste mozzafiato della città patrimonio Unesco, tra cui la Torre del Popolo, monumento simbolo di Assisi, aperta al pubblico per la prima volta in 800 anni. E ancora, concerti, gospel, spettacoli, mostre, Capodanno in piazza. Insomma un Natale suggestivo e coinvolgente, una festa per tutti, con eventi straordinari, per vivere a pieno l’atmosfera natalizia e lanciare un messaggio di pace e rinascita. Un’emozione unica, che solo ad Assisi è possibile vivere.

I commenti sono chiusi.