Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 7 ottobre - Aggiornato alle 05:11

Dipendenti Coop donano ore di lavoro per aiutare i profughi ucraini a fare la spesa

Maxi buono da 12 mila euro affidato alla Caritas e destinato alle famiglie scappate dal conflitto con la Russia

Coop Centro Italia dona a Caritas 12 mila di buoni spesa per acquistare beni di prima necessità per le famiglie ucraine che vivono in Umbria. La donazione è stata possibile grazie alla disponibilità e alla sensibilità dimostrata dei lavoratori che hanno donato volontariamente ore del proprio lavoro direttamente tramite cedolino paga.

Buono spesa 12 mila euro «Si tratta di un aiuto concreto e immediato che ci permette di continuare la nostra azione solidale in un momento in cui l’attenzione su questo argomento è passata in secondo piano rispetto ad altre tematiche» ha detto monsignor Francesco Soddu, delegato regionale Caritas, mentre il vicepresidente di Coop, Lorenzo Ortolani, consegnando il maxi buono spesa, ha affermato che «Caritas supporta in maniera encomiabile numerose persone che si trovano in difficoltà e ha messo in campo uno straordinario impegno aggiuntivo a sostegno delle tante famiglie ucraine costrette a lasciare il loro paese a causa del conflitto in corso. Il nostro Gruppo – sono state le sue parole ha offerto subito la propria disponibilità ad aiutare le vittime del conflitto e continuerà in questo impegno fino alla fine della guerra e al ritorno della pace».

Dipendenti Coop donano ore per aiutare gli ucraini Fin dai primi giorni dallo scoppio del conflitto in Ucraina infatti, Coop Centro Italia ha portato avanti diverse iniziative a sostegno della pace e per dare un supporto concreto alle popolazioni ucraine vittime dell’invasione russa. Il 4 marzo è stata lanciata insieme alle altre cooperative di consumatori la campagna di raccolta fondi a supporto di UNHCR, della Comunità di Sant‘Egidio e di Medici Senza Frontiere (associazioni, già attive sul territorio ucraino con progetti umanitari consolidati, che hanno immediatamente convertito le loro attività in programmi di primo soccorso) che ha permesso di donare oltre 1,2 milioni di euro grazie alla generosità di 81.000 donatori, fra soci coop, clienti e lavoratori. A fianco della campagna di donazione sono state numerose le attività a sostegno dell’emergenza: dall’esposizione in tutti i punti vendita del Gruppo Coop Centro Italia della bandiera della pace, alle molteplici raccolte alimentari destinate alle comunità ucraine presenti sul territorio e alle Caritas che, attraverso il contributo dei soci Coop, hanno permesso di distribuire beni alle famiglie ucraine sia in Italia sia nelle zone del conflitto. Significativa e importante partecipazione, insieme a tutte le cooperative di consumatori, alla Marcia della Pace straordinaria Perugia Assisi e la raccolta di pannolini in occasione della festa della Mamma.

I commenti sono chiusi.